Sei qui:  / Blog / Informazione / In Turchia la prima condanna per le inchieste sui “Paradise Papers”

In Turchia la prima condanna per le inchieste sui “Paradise Papers”

 

Finora nessun giornalista che aveva svolto inchieste sui cosiddetti “Paradise Papers” – gli elenchi di esponenti politici, aziende e criminali che nascondevano soldi o possedevano proprietà in paradisi fiscali offshore – era mai stato condannato. Nulla di sorprendente che la prima condanna sia stata emessa in Turchia, la più grande prigione al mondo per gli operatori dell’informazione.

Martedì 8 gennaio un tribunale di Istanbul ha condannato la giornalista Pelin Ünker a 13 mesi di carcere e al pagamento di una multa equivalente a 1405 euro per aver scritto, nel novembre 2017 sul quotidiano Cumhuriyet, che l’ex primo ministro Binali Yıldırım e i suoi due figli possedevano delle proprietà sull’isola di Malta, beneficiando della generosa normativa locale sulle tassazioni.

Ünker è stata giudicata colpevole di “diffamazione” e “offesa” a mezzo stampa e ha annunciato che presenterà appello.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE