Sei qui:  / News / Caporalato, una raccolta fondi per gli indiani Sikh sfruttati nei campi del Pontino

Caporalato, una raccolta fondi per gli indiani Sikh sfruttati nei campi del Pontino

 

Trentamila indiani Sikh lavorano, nelle campagne del Pontino, in condizioni di schiavitù: circa 14 ore al giorno per una paga di 4 euro l’ora. Costretti a chiamare “padrone” il proprio datore di lavoro e spesso a far uso di sostanze dopanti per resistere alla fatica. È la denuncia della cooperativa In Migrazione che ha lanciato su GoFundMe una raccolta fondi per avviare un progetto di sostegno e assistenza alla comunità indiana che vive e lavora nella provincia di Latina. “Quella dei Sikh è una comunità pacifica – raccontano – che vive una situazione di isolamento, che non conosce i propri diritti. Vogliamo creare un team specializzato di legali, mediatori culturali e assistenti sociali per supportare i braccianti e fermare il caporalato”. “Quello che succede nel Pontino non può e non deve proseguire oltre – spiega Marco Omizzolo, responsabile scientifico In Migrazione – ma da soli non possiamo farcela. In tanti ci hanno dimostrato in questi anni supporto morale e stima. Ora serve un passo in più”. Il progetto di crowdfunding è raggiungibile alla pagina https://www.gofundme.com/fermiamo-il-caporalato

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con (*).

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.