Sei qui:  / Opinioni / Per favore, non chiamatelo ” contratto alla tedesca”

Per favore, non chiamatelo ” contratto alla tedesca”

 

Fa piacere che una trattativa per il nuovo governo , che vede impegnati partiti a torto o a ragione sospettati   di essere tiepidi verso i nostri impegni europei , prenda le mosse dall’esempio del paese più potentemente europeista , la Germania di Angela Merkel , del partito popolare e di quello socialdemocratico . Partiti fisiologicamente avversi , se non incompatibili , ma che un inossidabile zoccolo comune  unisce e fa incontrare nei momenti difficili :  un’ incrollabile  fede europeista. Forse , un buon auspicio. Ma due situazioni che , purtroppo o per fortuna , non hanno proprio nulla in comune.

Ad iniziare da quello zoccolo comune , forte in Germania e impalpabile  da noi , dove almeno uno dei due partiti coinvolti nella contorta impresa di dare un governo al paese , la Lega salviniana,   considera l’essere definito europeista alla stregua di un insulto  , o giù di lì. Dell’altro , siamo in attesa di saperlo ,  per la difficoltà di orientarsi  tra la primitiva adesione al gruppo più antieuropeista del parlamento europeo ( quello che ha avuto l’idea di chiedere gli elettori inglesi cosa pensassero dell’adesione alla UE) , e la successiva richiesta di ingresso nel  gruppo più europeista. Oggi , quasi europeisti , domani chi lo sa.

Per continuare con la trattativa : tutto il tempo necessario in Germania , paese fortunato – se di fortuna si può parlare -, che può permettersi mesi e mesi senza un nuovo governo; ventiquattro ore da noi , prorogate di altre quarantotto. Dopodichè , comunica uno dei protagonisti , sicuramente anche a nome dell’altro , se non  funziona , si corre al voto. Sarà contento “l’arbitro” , Sergio Mattarella , che appena pochi giorni fa lamentava la scarsa collaborazione dei ” giocatori” , i partiti. Ora non solo sembrano disposti a  collaborare , ma addirittura ad  alleggerirlo delle sue competenze e decisioni. Lui , il capo dello Stato , sembra essersene accorto , da come enumera le sue prerogative.

Le differenze sono altre. Della tendenza nostrana alla semplificazione delle non lievi  difficoltà ,che produce candidature dense di  autostima , abbiamo parlato recentemente. Oggi , il timore ci sembra quello di una  certa , innegabile ,  scoperta genericità . Che peraltro con la  semplificazione ha un certo grado di parentela ,  che produce una saldatura non leggera.  Per fare l’auspicato e rivoluzionario ,ma inesplicato  ” governo del cambiamento” – si immagina progressivo -,  bisogna partire dai  “temi” , per essere certi di risolvere ” i problemi degli italiani”.  E non dai nomi : detto da chi per cinquanta giorni ha posto come condizione quella di guidare il governo ,dopo avere presentato una decina di ministri in campagna elettorale , c’ è  un ‘ulteriore timore , un  possibile difetto di coerenza. Perché si lavora proprio nell’ ” interesse degli italiani”.  Mai che si vada un po’ oltre. Tra poco  avremo questo contratto ,e ne sapremo di più.  Ma restano quarantotto ore , nelle quali , se non si pretendono profondità e indicazioni precise,  si possono fare miracoli. Meglio chiamarlo  “contratto  all’italiana” , come si conviene tra sovranisti.

montesquieu.tn@gmail.com

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE