Migranti, il viaggio di Giusi Nicolini in Uganda: “Sviluppo è dare speranza”

0 0

Dal confine col Sud Sudan al cuore del paese per documentare i progetti di sviluppo che Amref porta avanti con i profughi. È il viaggio dell’ex sindaca di Lampedusa, insieme all’organizzazione umanitaria. Anche quest’esperienza sarà al centro dell’incontro organizzato nell’ambito di Voci di confine al Salone del Libro di Torino

 

ROMA – Dal confine col Sud Sudan al cuore del paese per documentare i progetti di sviluppo che Amref porta avanti in Uganda con i profughi. È il viaggio di Giusi Nicolini, l’ex sindaca di Lampedusa, insieme all’organizzazione umanitaria che offre supporto alle popolazioni africane. Un’esperienza in prima persone e nel segno dell’incontro, come quello con le donne ex sex worker che ora lavorano in una sartoria a Kampala. “Questo è un progetto grandioso – spiega Nicolini – una possibilità di riscatto che rappresenta al tempo stesso un modello di sviluppo per le donne e per le periferie”. Nel laboratorio di sartoria le donne tolte dalla strada vengono infatti avviate al lavoro, e aiutare a ricostruirsi una vita. In Uganda ci sono “tantissime donne che vivono solo con i loro bambini – spiega ancora l’ex sindaca – molte vivono in condizioni disperate, ma nonostante questo ci sono donne con forza e capacità d’impresa. Sostenere questi progetti è necessario oltre che molto bello”… continua su redattoresociale