Sei qui:  / News / Avviso Pubblico: sciolti altri due Comuni per infiltrazioni mafiose

Avviso Pubblico: sciolti altri due Comuni per infiltrazioni mafiose

 

Il Consiglio dei ministri, nella scorsa settimana, ha deliberato lo scioglimento dei comuni di Castelvetrano (Trapani) – nel quale si sarebbero dovute svolgere le elezioni per il rinnovo del consiglio comunale – e Sorgo San Basile (Catanzaro). Dall’inizio del 2017 sono già 13 le amministrazioni sciolte per infiltrazioni della criminalità organizzata, a conferma dell’estrema gravità del fenomeno: era dal biennio 2012-2013 che non si registrava un così elevato numero di enti sciolti ai sensi dell’art. 143 del testo unico sugli enti locali.

In Parlamento sono state presentate numerose proposte di legge volte a modificare la disciplina vigente, anche al fine di rendere più efficace l’azione di ripristino della legalità; la stessa Commissione Antimafia si è interessata più volte di tale fenomeno con riferimento alla situazione di Roma e del Lazio, di Quarto, Catania, nonché di alcuni comuni sciolti per mafia (Platì, Ricadi, Badolato, Scalea, Battipaglia) formulando anche proposte di riforma della materia (leggi questa scheda). Recentemente sono stati anche ascoltati i prefetti di Trapani, Reggio Calabria e Napoli al fine di approfondire l’analisi di alcune Amministrazioni, sciolte per mafia negli anni scorsi (come Bovalino, Bagnara Calabra, Arzano, Torre Annunziata) in previsione del nuovo turno elettorale.

Proprio per facilitare l’analisi del fenomeno ed individuare tutte le Amministrazioni coinvolte nella procedura ex art. 143 del testo unico sugli enti locali, Avviso Pubblico ha predisposto un’apposita sezione dedicata a questo tema, che contiene tra l’altro un video di ricostruzione della normativa e alcune mappe interattive, riferite sia all’intero territorio nazionale che alle 4 regioni maggiormente coinvolte (Campania, Calabria, Sicilia e Puglia); una mappa riguarda le Amministrazioni coinvolte più volte nella procedura di verifica delle infiltrazioni mafiose (tutte concentrate nel Centro sud). Per ciascun ente sono visualizzabili le informazioni relative ai singoli decreti di commissariamento ed archiviazione. I grafici e i dati statistici riassuntivi evidenziano l’evoluzione nel tempo delle decisioni assunte dal Governo e la distribuzione territoriale dei decreti di scioglimento.

 

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE