Sei qui:  / Blog / GIORNALISTI. ALLARME MINACCE IN LAZIO. INTERROGAZIONE SEN. FATTORI – M5S

GIORNALISTI. ALLARME MINACCE IN LAZIO. INTERROGAZIONE SEN. FATTORI – M5S

 

Insieme a quattro suoi colleghi, la senatrice Elena Fattori chiede al Governo quali provvedimenti intende adottare

Cosa pensa il Governo dell’alto numero di intimidazioni, minacce e ritorsioni nei confronti dei giornalisti che operano in Lazio? Del fatto che in questa regione si concentra il 40 per cento delle intimidazioni rilevate da Ossigeno per l’Informazione nell’intero territorio nazionale? Lo chiedono i senatori Elena Fattori, Michele Giarrusso, Sara Paglini, Sergio Puglia e Nicola Morra del Movimento Cinque Stelle con una interrogazione rivolta al presidente del Consiglio Paolo Gentiloni e al ministro dell’Interno Marco Minniti.

Con questo documento, presentato al Senato il 18 maggio 2017 (vedi Atto n. 4-07542) i cinque senatori chiedono se il Governo sia a conoscenza dei fatti esposti nel Dossier di Ossigeno (leggi) e quali azioni intende intraprendere a protezione e a tutela della libertà di informazione e degli stessi giornalisti. I senatori chiedono inoltre quali provvedimenti il Governo intenda adottare per migliorare la condizione professionale ed economica della figura del giornalista.

I parlamentari fanno osservare che i dati contenuto nel dossier di Ossigeno sono stati presentati il 3 maggio 2017 al Senato in un convegno nel corso del quale “le alte cariche istituzionali hanno sottolineato la pericolosità del fenomeno, mostrando di conoscerne l’esistenza”. Queste intimidazioni “a giudizio degli interroganti, appaiono allarmanti, anche a causa dell’impennata dei dati che dimostrano che dal 2011 al 30 aprile 2017 i giornalisti minacciati nel Lazio sono 625, pari al 24 per cento del totale di 2.602; e (…) nel 2017, fino al 30 aprile 2017, sono 46 su 117 pari al 39,3 per cento del totale”.

ASP

Leggi l’interrogazione

Leggi il Dossier Lazio 2017

Da ossigenoinformazione

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE