Sei qui:  / Opinioni / Scontro treni: il diritto (negato) ad un trasporto ferroviario sicuro

Scontro treni: il diritto (negato) ad un trasporto ferroviario sicuro

 

Quando si fanno viaggiare i pendolari su treni regionali vecchi, su cui si fa poca manutenzione, su tratte ferroviarie che nel 2016 sono ancora a binario unico (allucinante) investendo pochissimo in sicurezza ferroviaria e spendendo milioni di euro solo per l’alta velocità, poi accadono tragedie del genere.
Per il trasporto regionale le Regioni pagano milioni di euro ogni anno alle aziende ferroviarie, per garantire il trasporto regionale ai propri cittadini.
Ma dovrebbero garantirci anche un’altra cosa fondamentale, il diritto ad un trasporto ferroviario sicuro.
Il bilancio delle vittime del disastro si è aggravato ulteriormente, siamo a 27 morti e 50 feriti.
Ma non è un dato definitivo purtroppo e c’è il rischio che possa aggravarsi ancora nelle prossime ore.
Le mie più sentite condoglianze ai familiari delle vittime della strage ferroviaria di Corato.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE