Sei qui:  / Blog / Nizza. La strage jihadista del 14 luglio. 84 morti e centinaia di feriti. Molti sono bambini

Nizza. La strage jihadista del 14 luglio. 84 morti e centinaia di feriti. Molti sono bambini

 

Di Pino Salerno

Nel giorno più importante per la civiltà europea, quel 14 luglio che celebra la presa della Bastiglia e l’inizio della Rivoluzione francese, il successo dell’Illuminismo, il cambiamento di paradigma culturale con l’abbattimento dell’antico regime e l’inizio della modernità, il terrorismo jihadista ha colpito nuovamente, lasciando sulla Promenade des Anglais di Nizza 84 morti e centinaia di feriti, molti dei quali ancora in pericolo di vita. Il bilancio è destinato dunque a salire. Ma ciò che fa ancora più rabbia è la strage di bambini, che con le famiglie celebravano quel 14 luglio, data così significativa per il mondo contemporaneo.

Un enorme Tir di 15 metri è piombato a velocità folle sulle migliaia di persone che affollavano il Promenade di Nizza, seminando morte e panico. Sembra anche che dall’interno del Tir sia stato usato contro la folla anche un mitra. Il conducente del Tir è stato poi bloccato e ucciso dalle forze di polizia. Secondo fonti della sicurezza, il conducente è un uomo di 31 anni, nato in Tunisia ed emigrato in Francia, a Nizza. Non era nella lista dei terroristi, ma aveva precedenti per furto e violenze. Le autorità confermano che l’uomo ha fatto uso di arma da fuoco durante la sua folle corsa nel Tir, in cui sono state ritrovate altre armi, sembra finte.

I testimoni dicono che l’autista del Tir abbia zigzagato sulla Promenade, colpendo chiunque nel raggio di due chilometri. Molti hanno assistito impotenti a scene strazianti in cui tanti papà e tante mamme hanno letteralmente lanciato via i propri bambini, nel tentativo di salvarli dalla carneficina.

Il presidente francese Hollande ha descritto questo ennesimo attacco al cuore della civiltà europea e della Francia come una “mostruosità”, aggiungendo che un plotone di militari si è aggiunto alle forze di polizia, per assicurare sicurezza soprattutto ai confini del Paese. Hollande ha confermato la natura terroristica dell’attacco di Nizza ed ha invitato i francesi ad essere più forti dei fanatici che vogliono attaccarli. Lo stato di emergenza, che avrebbe dovuto terminare il 26 luglio, è stato prolungato di altri tre mesi. Il ministro dell’Interno francese Cazeneuve ha detto: “siamo in guerra con i terroristi che vogliono colpirci ad ogni costo e che sono estremamente violenti”, mentre il premier Valls ha sostenuto che il paese vive “in uno stato di immenso terrore”.

Finora, nessuno ha ancora rivendicato l’attentato.

Da jobsnews

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE