Sei qui:  / Blog / I caccia italiani attaccano l’Isis in Iraq? Solo ipotesi

I caccia italiani attaccano l’Isis in Iraq? Solo ipotesi

 

ROMA – Le azioni di bombardamento dei caccia italiani in Iraq “sono solo ipotesi da valutare assieme agli alleati e non decisioni prese che, in ogni caso, dovranno passare dal Parlamento”. Lo afferma il ministero della Difesa “in merito a indiscrezioni di stampa”.

Secondo il Corriere della sera i tornado italiani appartenenti alla coalizione internazionale contro l’Isis “nelle prossime ore avranno l’incarico di bombardare l’Iraq“. L’Italia partecipa alla coalizione da un anno con quattro Tornado del Sesto stormo di Ghedi, un aereo Cisterna KC767 e alcuni droni Predator privi di armamento. Il personale impegnato nell’operazione é di 140 unità, impiegato in missioni di ricognizione. Dall’Italia ci sono state anche fornitura di armi ai Peshmerga curdi e un programma di addestramento tuttora in corso.

Secondo quanto riporta il Corriere fondamentale é la distinzione fatta dall’Italia tra Siria e Iraq. Il premier Matteo Renzi ha più volte espresso una posizione contraria all’intervento in Siria, mentre in Iraq “il governo iracheno – scrive il quotidiano- ci ha chiesto di intervenire e anche di bombardare”.

Da dazebao

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE