Sei qui:  / Blog / Le giovani vittime di tratta e sfruttamento

Le giovani vittime di tratta e sfruttamento

 

schiavi invisibili. Molti i minori non accompagnati a rischio sfruttamento

A cura di Cronache di ordinario razzismo

Dal 2012 ad oggi sono 1.679 le vittime accertate di tratta in Italia, delle quali una quota significativa è costituita da minori. In particolare dal 2013 al 22 giugno 2015 sono 130 i minori vittime di tratta inseriti in progetti di protezione: la Nigeria il principale paese di provenienza, seguita da Romania, Marocco, Ghana, Senegal e Albania. Le giovani vittime sono forzate soprattutto a prostituirsi e sfruttate sessualmente ma si rilevano anche altre forme di tratta e sfruttamento, quale quello in attività illegali, in particolare fra le adolescenti di origine rom e rumena, in associazione, spesso, a matrimoni precoci, e lo sfruttamento lavorativo fra i minori migranti, in particolare egiziani. Tra i minori vulnerabili e a rischio anche  i minori afgani ed eritrei in transito nel nostro paese. Sono 7.357 i minori migranti arrivati in Italia via mare da soli dall’inizio dell’anno.

Sono alcune delle principali evidenze del Dossier 2015 “Piccoli schiavi invisibili – Le giovani vittime di tratta e sfruttamento” di Save the Children – l’Organizzazione dedicata dal 1919 a salvare i bambini e tutelarne i diritti – diffuso oggi alla vigilia della Giornata Onu in ricordo della schiavitù e della sua abolizione (il 23 agosto, ndr).

Oltre alle minori nigeriane, documenta il dossier 2015 Piccoli Schiavi Invisibili di Save the Children, vittime di sfruttamento sessuale nel nostro Paese sono anche molte ragazze dell’Est: soprattutto adolescenti tra i 16 e i 17 anni, provenienti da contesti molto poveri e marginali di paesi quali Romania, Albania, Bulgaria, Moldavia, adescate da conoscenti o giovani uomini che le portano in Italia con la promessa di un lavoro da parrucchiera o da baby sitter   per poi obbligarle  a prostituirsi, sia in strada che al chiuso, in appartamenti o night club. E vittime di sfruttamento, soprattutto lavorativo, sono anche altri gruppi di migranti quali gli egiziani, il cui numero – in diminuzione nei primi mesi del 2015 (143 giunti al 30 giugno, a fronte di 885 nello steso periodo del 2014)-  sta registrando nuovamente una crescita, con quasi 400 approdati via mare tra giugno e agosto.

E ad alto rischio di sfruttamento sono anche i numerosi minori eritrei – 1.600 arrivati in Italia via mare dal 1 gennaio al 30 giugno 2015-,  che, da soli, transitano in Italia, diretti soprattutto in Svizzera, Germania, Norvegia e Svezia, per lo più adolescenti maschi di 16-17 anni ma è in crescita il numero di ragazze. Scappano dalla dittatura e dall’arruolamento obbligatorio nel loro paese, intraprendendo un lunghissimo e sempre più rischioso viaggio del costo, in media, di 6.000 euro, passando dal Sudan e quindi Libia o Egitto, per poi attraversare il mare verso l’Italia.

Per scaricare il rapporto clicca qui: “Piccoli schiavi invisibili – Le giovani vittime di tratta e sfruttamento”.

Da cartadiroma

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE