Sei qui:  / Opinioni / Per la prima volta, dopo dieci anni di potere, Erdogan ha trovato un avversario credibile

Per la prima volta, dopo dieci anni di potere, Erdogan ha trovato un avversario credibile

 

Brusca frenata per il presidente-sultano della Turchia contemporanea, Recep Tayyip Erdogan, leader del partito islamico moderato della Giustizia e dello sviluppo AKP che ha vinto-come era previsto-le elezioni ma non ha ottenuto la maggioranza assoluta dei seggi (almeno 330) che gli avrebbero consentito di cambiare la costituzione e trasformare la Turchia in repubblica presidenziale garantendosi i poteri richiesti per la modifica costituzionale. E non ha ottenuto neppure la maggioranza assoluta di cui aveva bisogno per continuare a governare senza difficoltà.

Per la prima volta, dopo dieci anni di potere, Erdogan ha trovato un avversario credibile:il capo del partito curdo della Pace e della democrazia ,HDP, che gli ha impedito di diventare un sovrano assoluto. Sehalattin Demirtas, l’uomo che si è contrapposto al presidente in carica, è un grande oratore ed è portatore di un linguaggio nuovo che si ispira a quello dei giovani e della “nuova Turchia”.

C’è chi lo ha paragonato al primo ministro della Grecia Alexis Tsipras e chi lo ha messo vicino al leader spagnolo di Podemos Pablo Iglesias, chi lo ha addirittura definito “l’Obama turco”. La verità è che Dermitas è un esponente curdo di solida cultura con il sogno di trasformare il suo partito che ha un’origine regionale in un’organizzazione nazionale e dichiarare la propria avversione allo strapotere di Erdogan. Ora è chiaro che l’ingresso in parlamento del partito di Demirtas prosciuga il ricchissimo bonus previsto per il primo partito.
Ma soprattutto quello che è successo è che il progetto di Erdogan di trasformare il Paese in una repubblica presidenziale è stato respinto da più della metà dei turchi e ora il presidente (che potrebbe anche con i suoi poteri spedire i turchi a rapide nuove elezioni)con ogni probabilità non sceglierà questa via diretta per cercare di recuperare il potere che evidentemente non è riuscito questa volta a far valere con i suoi elettori. Si tratta in questo senso di una sconfitta piuttosto che di una vittoria per il volitivo presidente turco e sarà interessante vedere quali mosse porrà in essere per uscire dall’impasse che oggi rischia di determinarsi nei suoi ambiziosi progetti politico-istituzionali.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE