Sei qui:  / Articoli / Informazione / Interni / Berlusconi compra Rai Way?

Berlusconi compra Rai Way?

 

Berlusconi tramite Ei Tower vuole comprare le azioni di Rai Way presenti sul mercato, offrendo il 4.244 euro ad azione, il 20% superiore al prezzo del titolo che si aggira mediamente intorno a 3,74 euro .  Lo stato incasserebbe circa 850 milioni di euro. Gli analisti, quindi dichiarano che è un affare che  lo Stato non può perdere. Ricordo che negli ultimi 10 anni il valore minimo delle azioni RAI WAY è stato 2.91 ad azione e il valore massimo 3.78: quindi un affare per la RAI.
Ei Tower Berlusconi detiene il 40%, il secondo azionista è BlackRock con il 10,25%.  Come ha ricordato Camillo Rossotto presidente di RAI WAY tra gli azionisti c’è anche il colosso americano dei fondi BlackRock.

La questione però ancora una volta non è economica ma di scelta politica.
Gli analisti fanno finta di non sapere che Berlusconi anche se prende una quota di minoranza delle azioni di RAI Way è ancora il capo indiscusso di Forza Italia partito che ha designato molti dirigenti che occupano poltrone importanti all’interno della RAI. Il controllo quindi  diverrebbe totale: esterno con una quota di minoranza,  interno con i dirigenti RAI che fanno capo a Forza Italia  presenti anche nel C.d.A. RAI che darebbe di fatto 100% del controllo di RAI WAY e delle scelte di politica industriale (vedi assegnazione delle frequenze).

Ricordo la privatizzazione di Telecom in particolare della rete e come tutte le reti per dare le stesse opportunità a tutti gli operatori economici dovrebbe essere pubblica e non privata, così non è stato così poiché allora il governo si affidò ai capitani coraggiosi.
Come ha ricordato Vincenzo Vita sul manifesto del 25 febbraio 2015  Berlusconi  ha comprato RcsMediaGroup, quindi dobbiamo  pensare che è una strategia  quella di acquisire tutti i mezzi di comunicazione di massa, magari informando il governo ed avere la sua neutralità.

RAI Way è appetibile non solo per il suo affare economico e le potenzialità di lavoro che offre, ma anche perché è stata la prima rete di distribuzione del segnale radiotelevisivo a coprire il 99,99 % del territorio italiano. Mediaset e la sua rete è stata costruita sfruttando l’esperienza che la rete di distribuzione del segnale RAI aveva fatto nel corso dei decenni passati. L’introduzione dei telefoni cellulari fu una scelta politica quella di non far entrare la RAI (RAI Way) in questo campo lavorativo, poiché da sempre agisce a livello locale in tutto il territorio Italiano e con una rete capillare di  diffusione arriva in tutto il mondo (vedi scheda) .

La domanda che vorrei porre al governo perché RAI Way non fa una offerta pubblica su Ei Tower e compra le azioni presenti sul mercato per meglio garantire tutti i soggetti privati e pubblici che vogliono agire in questo settore economico?
La considerazione è che nel corso dei decenni tutti i governi di destra e di sinistra non hanno mai voluto affrontare questo argomento e il legittimo sospetto è che una delle ragioni era ed è per dare  mano libera a Berlusconi e ai privati.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE