Sei qui:  / Opinioni / Incontro sulla “corruzione” nella scuola media (Report)

Incontro sulla “corruzione” nella scuola media (Report)

 
Chi sa cosa vuol dire “conformismo”?
La classe presa alla sprovvista mi guarda, qualcuno si gratta la testa.
Si parla di “Lotta alla corruzione” con le seconde medie di una scuola romana. E’ il secondo incontro che serve a commentare insieme “le inchieste su casi di corruzione” che i ragazzi hanno fatto dopo il primo incontro e rilegato nell'”Atlante della corruzione” fatto con l’aiuto delle professoresse e di Libertà e Giustizia di Roma
 Il ragazzo con la tuta alza la mano:”è quando uno vuole essere uguale agli altri”.
Ottima risposta, lui è soddisfatto, ride  e scivola giù sulla sedia.
Dico che ci sono due modi per nascondere la corruzione: coprire il fatto o la sua gravità.
Questa seconda tecnica è più subdola, perché fa perno sul confrmismo del “tanto lo fanno tutti”. Chi lo dice, vuole solo farci sentire isolati, se reagiamo. Cioè, non cerca di fermarci, ma di convincerci che è inutile ribellarsi.
I ragazzi seguono e allora butto giù un’altra domanda: avete mai rinunciato a reagire per conformismo?
“Io – dice quello con la frangia davanti agli occhi – (la guarda la sua compagna) l’ho difesa quando la sua amica voleva dire un sacco di bugie su di lei. Sapevo che era tutto falso e l’ho detto”.
Poi c’è un silenzio strano. La prof li sollecita a dire di quel fatto là. Tutti si agitano nel ricordo.
“Sì, fa dopo un po’  il ragazzo in fondo,  è successo che un nostro compagno facesse un gruppo face book contro un altro della scuola, per metterlo in mezzo.  Noi sapevamo tutto, ma non so perché nessuno diceva niente. Poi l’ha scoperto la preside e tutto il resto.Se ci ripenso adesso mi sembra tutto assurdo…”.
Ci salutiamo e ripeto a tutti quanto è fatto bene il loro “Atlante”. Si applaudono per scaricare la gioia.
“E adesso – dico insieme all’altra amica di LeG – facciamo come nella presentazione dei libri, quando gli ammiratori vogliono la firma dell’autore. Oggi gli autori siete voi, quindi venite tutti qui e firmateci le nostre copie”.
C’è la fila, lo fanno tutti.
Questo Atlante me lo conservo.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE