Connessioni

0 0

La mancanza di lavoro crea astensionismo. E’ difficile trovare un disoccupato che non ritenga i politici i principali responsabili del proprio problema. E spesso, la sola forma di ritorsione che concepisce è non votare più.Come a dire: perché devo occuparmi della politica, se la politica non si occupa di me?

Così, disoccupazione e dis-partecipazione creano una regressione della democrazia, che mina le basi costituzionali del Paese. Che i costituenti non a caso hanno voluto come una  “Repubblica fondata sul lavoro”, consapevoli del profondo nesso tra dignità lavoro e qualità della democrazia.
E’ urgente  che la  disoccupazione  e l’astensionismo crescenti siano avvertiti in Italia ed in Europa come elementi connessi. Non si può salvaguardare la democrazia dai nazionalismi, se non si tutela il lavoro dai liberisti.