Sei qui:  / Blog / L’assenza dell’Iran salva Ginevra

L’assenza dell’Iran salva Ginevra

 

Bilancio importante di questo avvio di Ginevra 2. Incontrando l’opposizione il regime ammette che non sono solo “terroristi”. Ma se ci fosse stato l’Iran..

di Saad Kiwan

Evento storico in una scena surreale. Una delegazione che rappresenta il regime siriano si trova di fronte ad una delegazione che rappresenta l’opposizione siriana . Le parti si siedono al tavolo dei negoziati condividendo la rappresentazione della Siria nella Conferenza « Ginevra -2 » , ciò non avviene da cinquant’anni ; da quando è stato instaurato il regime del partito unico (al-Baath), repressivo , autoritario e che occupa il potere sostenendo di rappresentare gli interessi del popolo siriano . Oggi invece , il regime , è costretto a soccombere e ammettere la legittimità a chi sin qui chiamava « i gruppi armati terroristici » Un fatto enorme….

La Conferenza di « Ginevra -2 » è senza dubbio una vittoria , non solo per l’opposizione , ma per il popolo siriano . Alla seduta inaugurale hanno partecipato rappresentanti di quaranta paesi . In prima linea i cinque membri permanenti del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite , è una presenza che ha legittimato l’opposizione del popolo siriano ha dato priorità alle loro richieste di libertà, di democrazia e di dignità , nonostante il caos e le divisioni al loro interno , senza dimenticare le atrocità commesse dei gruppi integralisti e terroristici dai “Qaidisti” al «Nosra » e « Daash » che in principio sono invenzione del regime .

Nonostante il clamore e le dichiarazioni di Bashar al-Assad nel mantenere il potere a tutti i costi , la sua partecipazione a “Ginevra- 2” significa essere disponibile ad accettare la negoziazione con l’opposizione , sulla base di ciò che è stato concordato alla conferenza di “Ginevra – 1” , che si è tenuta nel giugno 2012 , vale a dire un governo di transizione con pieni poteri , compreso la guida delle forze armate e dei servizi di sicurezza . Questo è ciò che è stato approvato da tutti i partecipanti e approvato dal Consiglio di Sicurezza . Affermando che non ci sarà alcun ruolo per Assad nella fase di transizione.

Di certo l’aver impedito all’Iran di partecipare alla conferenza ha aumentato la pressione sul regime siriano mettendolo in una posizione per nulla invidiabile . Questo è il risultato delle pressioni esercitate dagli Stati Uniti , Francia , Arabia Saudita sul Segretario generale delle Nazioni Unite Ban Ki -moon di revocare l’invito a Teheran in quanto rifiuta i termini della Conferenza di “Ginevra – 1″ . Di fronte a questa decisione la reazione della Russia, alleata e protettrice del regime siriano, è stata come ” chiudere un occhio” o , per citare le parole del Ministro degli Esteri Sergei Lavrov , ” è un errore non ammettere alla conferenza l’Iran ma non è una catastrofe” .
Questa posizione russa segna l’inizio dell’abbandono di Bashar sulla strada del negoziato perché è diventato un pesante fardello ?

Il Presidente della Coalizione dell’opposizione siriana Ahmed Jarbe ha rivelato che Lavrov gli ha assicurato che Mosca non è impegnata per la sopravvivenza di Assad ,mentre il Segretario di Stato Usa John Kerry , all’improvviso , ha sferrato un duro attacco contro Bashar definendolo “un criminale di guerra, deve abbandonare il potere e che è stato lui ad attirare i terroristi in Siria iniziando una guerra religiosa » . Kerry era noto per essere in buoni rapporti con il potere in Siria , dove si era recato più di una volta prima dello scoppio della rivoluzione nel 2011.

Questi rapidi sviluppi hanno sollevato dei dubbi sul fatto che ci fosse una tacita intesa tra Mosca e Washington. La Russia ha sempre lavorato duramente fin dall’inizio della rivoluzione per raggiungere una soluzione politica negoziata e ha ottenuto questo . La pressione esercitata sull’opposizione per partecipare alla conferenza , soprattutto, da Washington, ha portato alla divisione nelle sue file e la battaglia condotta dal « Libero Esercito Siriano » contro « Daash » , ha modificato lo scenario e ha rafforzato la posizione dell’amministrazione statunitense di fronte ai Russia e l’Iran , mettendo in difficoltà il regime che scommetteva sul boicottaggio dell’opposizione . Washington , ancora una volta, sta cercando di mantenere la pressione su Teheran per abbandonare il regime e spingere « Hezbollah » a ritirarsi dalla Siria .

Il Ministro degli Esteri Walid al- Moallem ha cercato di fare la vittima nella sessione di apertura , elencando , a suo avviso, tutte le violazioni, i massacri e le atrocità commesse dai « banditi armati » dell'(‘opposizione ), un elenco dettagliato che dimostra solo come il regime sia l’unico “burattinaio”. Inoltre nella sua performance non ha rispettato né il tempo assegnato , né il Segretario generale, né i partecipanti , ha scatenato un’ondata di malcontento e disgusto da parte dei rappresentanti dei paesi partecipati . Tuttavia, il ministro degli Affari esteri del Libano , Adnan Mansour ha insistito nel sostenere e difendere il coinvolgimento di « Hezbollah » in Siria dimostrando di essere il megafono e l’eco del regime di Assad La delegazione del regime sembra isolata e preoccupata all’interno della conferenza , malgrado la pomposità delle dichiarazioni della consigliera presidenziale Busaina Shaaban e quelli del Ministro dell’Informazione Omran El – Zoubi , che non sapeva cosa rispondere a chi gli chiedeva , come mai gli aerei del regime bombardassero “l’esercito Libero Siriano “e non le postazioni di chi combatte con esso, cioè al Qaida.

Il compito del mediatore Lakhdar Brahimi sembrava quasi impossibile quando la delegazione dell’ opposizione ha rifiutato di sedersi nella stessa stanza faccia a faccia con la delegazione del regime , e dal canto suo la delegazione del regime accusava l’opposizione di ostacolare il negoziato minacciando il rientro a Damasco .

Non sarà possibile fare saltare la conferenza perché gli americani e i russi non permetteranno questo e ormai tutte due le delegazioni si trovano ad un bivio dal quale non potranno tornare in dietro. I diplomatici russi ( Mikhail Bogdanov ) e americani ( Robert Ford) restano a Ginevra , al fine di garantire l’avvio dei negoziati bilaterali diretti e si muovono dietro le quinte tra le due delegazioni.

Pertanto , i negoziati inizieranno lentamente , e sarà un negoziato difficile, estenuante , assisteremo a dei momenti da guerra mediatica , il regime cercherà di imbrogliare e tirarla per le lunghe come è sua abitudine , i negoziati potrebbero avere momenti di stallo e di interruzioni per tornare , poi , al tavolo di nuovo .

Il punto principale è testare la volontà del regime di un cessate il fuoco e fermare il bombardamento delle città e di creare un corridoi di sicurezza per garantire gli aiuti umanitari ai civili .

Da ilmondodiannibale.it

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE