Sei qui:  / Opinioni / Legati da affettuosa giustizia

Legati da affettuosa giustizia

 

Quando il ministro della giustizia s’espose personalmente per alleviare le pene carcerarie della detenuta Ligresti, famiglia amica da sempre, l’Italia tutta istintivamente urlò all’insulto: l’ennesimo ed ennesimo privilegio (perpetuato) da marchese del Grillo! Vogliano approfondire? Allora occorre procedere per ordine.

Intanto: proprio no l’Italia tutta. Gli adepti e seguaci dell’(ancora vigente) istituzionale ventennio da “marchese” (ex Regno ché in Repubblica fa “marchette”) difendono la presa di posizione del ministro in quanto che “umanitario gesto”  fu tal quale a quello perpetrato dall’idolo allorquando egli indusse al dovere di salvare “la nipote di Mubarak”, perciò la ministra è nel giusto e non deve dimettersi o peggio esser licenziata! Ma che schifo. Purtroppo non finisce mica qui. A quello poi s’ebbe aggiungere il Grillo che proprio dal marchesato ha potuto tirare su populismo all’insegna della più banale legge fisica: magnetismo, elettricità, ottica ricavati dall’attrazione dei poli opposti! Perciò il movimento pretende invece le dimissioni della Cancellieri.

Ne consegue che (almeno) all’Italia in buona fede e che istintivamente s’indignò, spetta il dovere di bloccarsi e di riflettere, specie alla luce dei fatti (l’intervento di Caselli, le precisazioni del DAP, le testimonianze delle famiglie Cucchi e Uva, ma soprattutto lo stato reale delle patrie carceri). Ha da bloccarsi e riflettere perché le dimissioni di qualsiasi ministro italiano della giustizia sono (e da mo’ avrebbero dovuto essere) dovute non già a fronte d’espressione personale verosimilmente imputabile a naturale manifestazione d’affetto, bensì al fatto che quel ministro, così come tutti quelli che l’hanno preceduta, ha disatteso totalmente al suo primissimo incombente: il lanciarsi a capofitto nella tragedia di migliaia di detenuti da sempre rinchiusi in condizioni disumane e dunque il lavorare per affrontare e superare gli ostacoli affinché tutti immediatamente potessero ottenere trattamento dignitoso in onore di quella rieducazione prevista dalla Costituzione, compatibile con i casi di ciascun detenuto.  Ed è perciò ministro Cancellieri che la esortiamo a essere il primo finalmente ad attivarsi perché tutti siano (in quanto siamo) uguali tutti di fronte alla legge, non già all’affetto che rende “alcuni” più uguali degli altri. A scanso d’equivoci precisiamo che rincorrere indulti e amnistie c’entra niente con quanto sopra.

Se così non le pare, allora forse è meglio che si dimetta. 

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE