Sei qui:  / Opinioni / Lettera a un evasore mai nato

Lettera a un evasore mai nato

 

“Caro dipendente da lavoro subordinato perciò tutelato (e qui ci vuole un inciso ché il termine “tutela” è -mica poco-  ambiguo: interdetto e/o inabilitato rispetto a tutti quelli che le tasse le versano in proprio?!) da sostituto d’imposta, che ne pensi dell’esternazione del nostro rappresentante parlamentare (per amore o per forza) Fassina? Lascia perdere, accantona, adeguati al fatto, ti prego,  che sei sempre stato di sinistra e che comunque  hai voluto proseguire a credere d’esserlo ancora, nonostante il PP (pro porcellum). Fai uno (ulteriore) sforzo legato allo stato attuale dei fatti. Fatti che, secondo Fassina, così sono impostati: per evitare di fallire (e dunque far “fallire” i propri dipendenti) milioni di bottegai, artigiani, piccoli/medi imprenditori (i grandi nel nostro Paese da decenni fanno casta a sé come la medaglia dell’amore: più di ieri e meno di domani, dunque non fanno testo) sono costretti a evadere le tasse… Oh: sia chiaro! Buttata così, di primissimo acchito a uno ci verrebbe pure d’aggregarsi a ‘sto anomalo spirito di sopravvivenza da “mors tua, vita mea” (da qui l’Epifani che s’è appellato all’emendamento del frainteso).

Gli è che, caro dipendente subordinato al tuo datore di lavoro, ho da farti notare una “cosa”: tutto ciò che evade il tuo datore di lavoro (pur in extremis Fassina dipendente) lo PROSEGUIRAI a pagare tu col tuo sostituto d’imposta (tutore!) per busta-paga/pensione! In attesa di tuo cortese cenno di riscontro, caro dipendente, ti saluto. Con ossequi ciao”

PS.  Ove il tuo datore di lavoro, esaurita l’evasione ad usum sopravvivenza (new entry legittimabile per Fassina ché  la storica delinquenziale è ormai di fatto legittimamente omologata) ti sbattesse fuori per non saper più a che attingere per stipendiarti, glielo chiedi tu a quel Fassina lì un altro sistema “legittimo” per sfamare te e la tua famiglia?

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE