Sei qui:  / Articoli / Interni / Laura Boldrini e Pietro Grasso. E la manifestazione di Libera a Firenze. 16 marzo, giornata della Costituzione

Laura Boldrini e Pietro Grasso. E la manifestazione di Libera a Firenze. 16 marzo, giornata della Costituzione

 

Grazie a chi ha pensato, voluto, votato Laura Boldrini e Pietro Grasso, due presidenti delle Camere che hanno davvero nel cuore la Costituzione, la legalitá repubblicana, l’inclusione sociale, la lotta contro le mafie e l’intolleranza verso gli ultimi. Grazie a Laura Boldrini e a Pietro Grasso che, tra l’altro, sono stati tra i primissimi firmatari dell’appello di Articolo21 per riportare l’Italia in Europa anche nel settore della libertà di informazione contrastando censure e bavagli, liberando la Rai e le Aurorità di garanzia dal diretto controllo dei partiti e dei governi, risolvendo quel conflitto di interesse che ha inquinato la nostra vita istituzionale e democratica.

Grazie a Don Luigi Ciotti e ai volontari di Libera che hanno realizzato una Giornata della memoria dedicata alle vittime della mafia, dando vita ad un lungo corteo per le strade di Firenze, che é si é trasformato in una sorta di possente presidio a tutela delle istituzioni repubblicane.

Grazie alle ragazze e ai ragazzi che si sono stretti attorno all’articolo 21 della Costituzione tributando un lungo applauso a Lirio Abbate, a Giovanni Tizian, a Rino Giacalone e a tutti i cronisti che contrastano le illegalità e dicono no ai bavagli di qualsiasi natura e colore.

Grazie, infine, a chi ha contribuito a regalare all’Italia, dopo tanti anni di fango e disonore, una giornata davvero memorabile.
Ci dispiace, infine, per quelli che hanno scelto di non partecipare e di tenersi le mani in tasca per paura di sporcarsele, come avrebbe detto Don Milani, presto capiranno che hanno perso una grande occasione.
Speriamo sia davvero un nuovo inizio!

Ora l’appuntamento é per sabato 23 marzo a Roma, dalle 10 alle 14, nel salone della Fnsi per dare il via al potenziamento e alla ristrutturazione del nostro sito e per rilanciare la battaglia sul conflitto di interessi e la libertà di informazione

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE