Sei qui:  / Blog / L’anno scorso abbiamo marciato da Perugia ad Assisi. Quest’anno andiamo a Gerusalemme

L’anno scorso abbiamo marciato da Perugia ad Assisi. Quest’anno andiamo a Gerusalemme

 

Missione di Pace
27 ottobre – 3 novembre 2012
in Israele e Palestina
sulle orme di Giorgio La Pira

A vent’anni dalla scomparsa di padre Ernesto Balducci, maestro di pace

Si svolgerà dal 27 ottobre al 3 novembre 2012 con la partecipazione di
oltre 200 studenti, giovani, insegnanti, amministratori locali,
sportivi, giornalisti, esponenti di gruppi e associazioni e semplici
cittadini provenienti da 90 città italiane. E non sarà una passeggiata.

La “Marcia Perugia-Assisi” si trasferisce in Medio Oriente, in Israele
e nei territori palestinesi occupati, nel cuore del conflitto più
lungo del nostro tempo, laddove la pace appare più lontana e urgente.
“E’ vero, ha dichiarato Flavio Lotti coordinatore dell’iniziativa,
abbiamo tanti problemi di cui occuparci a casa nostra. Ma quello che
sta accadendo in Medio Oriente ci investe direttamente. Di fronte alla
drammatica continuazione della guerra civile in Siria, la diffusione
delle armi, delle tensioni, del terrorismo, della violenza e delle
sofferenze nell’intera regione; di fronte alla preparazione della
guerra contro l’Iran, alla fine del processo di pace tra israeliani e
palestinesi e i profondi sommovimenti provocati dalla primavera araba
abbiamo il dovere di agire.

La pace che tante volte abbiamo invocato per Gerusalemme non è ancora
arrivata. E i problemi che ieri dovevano essere risolti sono diventati
ancora più complicati. Costruire la pace è difficile ma è necessario.
L’alternativa è troppo inquietante per essere considerata. Per questo,
mentre il mondo sembra aver ceduto alla paralisi e alla rassegnazione,
continua Flavio Lotti, noi vogliamo cercare nuove strade di pace da
percorrere insieme accrescendo il nostro impegno di cittadini e
istituzioni responsabili.

Per una settimana andremo di città in città, incontro ai due popoli,
ascolteremo le loro voci, cercheremo di capire non solo cosa sta
accadendo ma anche cosa possono e debbono fare l’Italia e l’Europa,
cosa possiamo fare noi cittadini e cosa possono fare le nostre
istituzioni. Porteremo un messaggio di pace e promuoveremo il dialogo
con tutti. Visiteremo i luoghi del dolore e della speranza. E infine
andremo nel punto più basso della Terra per cercare di capire come
possiamo uscire dalla crisi epocale in cui siamo precipitati.”
La “Missione di Pace” in Israele e Palestina è promossa dal
Coordinamento Nazionale degli Enti Locali per la Pace e i Diritti
Umani con il patrocinio di Andrea Riccardi, Ministro della
Cooperazione Internazionale e l’Integrazione, in collaborazione con la
Rete Europea degli Enti Locali per la Pace in Medio Oriente, la
Regione dell’Umbria e la Tavola della pace.

www.perlapace.it

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE