Sei qui:  / Blog / L’uomo che sfruttava la foresta africana, ma che non voleva che questo si sapesse

L’uomo che sfruttava la foresta africana, ma che non voleva che questo si sapesse

 

“Sfruttare” è la parola migliore, date le condizioni di vita e lavoro medievali imposti ai lavoratori nelle concessioni gestite dalla società di Levy la Becob. Arretrati salariali attrezzature sanitarie deplorevoli, un ruscello inquinato per l’approvvigionamento idrico … Responsabile per la comunicazione interna, poi il vice presidente del consiglio di sorveglianza, e anche direttore per due anni, Bernard-Henri è stato seriamente coinvolto nel negozio di famiglia.

– di Nico Ramirez /  Dicktacratie.com –
Nella famiglia Levy, era già nota Justine, la figlia, autrice pestifera (da piaghe), quando il padre lavora per fessi, e poi Arielle, la seconda moglie, il cui punto più culminante della carriera non ha eguali e corrisponde all’ altezza del suo culo offerto alla pecorina a Klaus Kinski, al culmine della sua carriera artistica e del suo splendore, nel film “The Passion Fruit” del 1981. Ma è chiaro che nella  brillante famiglia Levy, ci mancano alcune carte, da esaminare. Così per esempio si conosce  piuttosto poco il padre, André.

È che Bernard-Henri non ama troppo riportare argomenti che parlino de padre. A meno che, naturalmente, oscurare i più interessanti, vale a dire gli affari africani della famiglia, che per molti anni, ha vissuto di sfruttamento di legni pregiati Costa d’Avorio, Camerun e Gabon.

“Sfruttare” è la parola migliore, date le condizioni di vita e lavoro medievali imposte ai lavoratori nelle concessioni gestite dalla società di Levy la Becob. Arretrati salariali attrezzature sanitarie deplorevoli, un ruscello inquinato per l’approvvigionamento idrico … Responsabile per la comunicazione interna, poi il vice presidente del consiglio di sorveglianza, e anche direttore per due anni, Bernard-Henri è stato seriamente coinvolto nel negozio di famiglia.

E mentre il sudore africano irrigava generosamente il suo conto bancario, a qualche migliaio di chilometri di distanza, Bernard-Henri distribuiva le lezioni morali sulla dignità umana. Assicurandosi di sfuggita che i recalcitranti fossero ben bollati dal sigillo della barbarie, di cui solo lui possedeva il bollo di assegnazione, perché così è più semplice. E quando, nei primi anni Ottanta, la promessa di guadagni sempre più lucrativi sembra allontanarsi perché gli affari diventano vacillanti, Bernard-Henri fa giocare abilmente i suoi legami politici per assicurarsi un prestito di diversi milioni di franchi a un tasso particolarmente vantaggioso, tratti dal … le casse dello Stato francese!

In seguito, è stata la volta di Francois Pinault di rubare per salvare la Becob, prendendone una quota di partecipazione del capitale, prima di diventare l’unico nocchiere a bordo. Francois Pinault, la cui amicizia con il Grand biondo dall’occhio nero della Trinità-sur-Mer non ha mai, ovviamente, scosso la coscienza del nostro anti-Le pénista da circo (carnevale). Il riscatto finale di Becob su una valutazione di 800 milioni di franchi, un po ‘oltre 120 milioni di euro, gli avrà probabilmente dato le vertigini. La storia di un uomo che gestiva la foresta africana, ma non vuole che questo si sappia, è già nota. È stata meravigliosamente raccontata dettagliatamente dai giornalisti Nicolas Beau e Olivier Toscer nella loro indagine significativamente intitolata “Una impostura francese“, pubblicato nel 2006.

Eppure, sei anni più tardi, l’impostura continua ancora allegramente e con una condotta più che illecita ! La deplorevole frode intellettuale trova sempre una buona cassa di risonanza. Approfittando di una solida rete di contatti all’interno dei media e dell’editoria, il clown di Tobruk riesce ancora a tirare avanti, impedendo la pubblicazione di qualsiasi articolo che lo infastidisca. Una frode che continua anche per le ambizioni molto chiaramente indicatea chi faceva finta di non capire: “Ho portato come stendardo la mia fedeltà al mio nome e la mia fedeltà al sionismo e Israele”, ha detto senza ridere a proposito del suo coinvolgimento nella guerra in Libia

Tradotto da Erminia Scaglione per Informare Per Resistere
Fonte: L’HOMME QUI EXPLOITAIT LA FORÊT AFRICAINE MAIS QUI NE VOULAIT PAS QUE CELA SE SACHE“
http://am-not-yours.blogspot.it/2012/06/luomo-che-sfruttava-la-foresta-africana.html

Tratto da: L’UOMO CHE SFRUTTAVA LA FORESTA AFRICANA, MA CHE NON VOLEVA CHE QUESTO SI SAPESSE | Informare per Resistere http://www.informarexresistere.fr/2012/06/03/luomo-che-sfruttava-la-foresta-africana-ma-che-non-voleva-che-questo-si-sapesse/#ixzz1wvJfeQ7L
– Nel tempo dell’inganno universale, dire la verità è un atto rivoluzionario!

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE