Sei qui:  / Articoli / Esteri / Afghanistan, la vendetta dei talebani

Afghanistan, la vendetta dei talebani

 

“E’  l’inizio dell’offensiva di primavera” hanno detto i talebani.  Ma quanto è accaduto a Kabul e  in alcune province afghane è qualcosa di diverso dalla  solita ripresa dei combattimenti a cui si assiste  in Afghanistan  all’arrivo del disgelo da quasi 40 anni , da quando  tra quelle montagne innevate e quei deserti infuocati si combatte una spietata guerra nella quale a turno si sono infilate e impantanate  nazioni diverse dall’Unione Sovietica alla  grande coalizione  costituitasi in fretta e furia sull’onda emotiva dell’11 settembre. Quanto abbiamo visto questa domenica è il risultato di un’operazione pianificata da mesi, che ha lo scopo di spazzare via undici anni di tentativi occidentali, pagati a caro prezzo, di ridare un futuro democratico al paese più grande produttore di oppio al mondo. Con gli attacchi coordinati al  cuore di  Kabul, i razzi sul  quartiere  delle ambasciate e sul  comando Nato, il tentato assalto al Parlamento, le esplosioni a due passi dal palazzo presidenziale,  i kamikaze in due alberghi cinque stelle e poi nelle provincie di  Nangarhar, Logar e Paktia,  nell’aeroporto base Nato di Jalalabad, i talebani hanno voluto dimostrare che i più forti sono loro. Hanno pianificato un’operazione che  richiede uomini ben addestrati, grandi mezzi e un controllo del territorio e della capitale afghana  impressionanti. Non si portano all’interno di una città come Kabul, presidiata giorno e notte, grandi quantitativi di esplosivo e armi come quelli usati per gli attentati di domenica nelle zone più sensibili della capitale, se non si hanno complicità importanti.

Mentre i talebani si preparavano a questa imponente azione terroristica dove erano e cosa stavano facendo in questi mesi,   i soldati e le forze di sicurezza afghane che da anni le truppe internazionali stanno addestrando? Ai contingenti stranieri   il presidente Karzai in più occasioni ha chiesto di andarsene. Lo faranno molto presto, i governi occidentali  non vedono l’ora di riportare a casa i loro soldati invischiati nella  palude afghana, ma quanto accaduto oggi  è la prova evidente  che non c’è  ancora un esercito afghano in grado di difendere il proprio paese.

Una giornata come questa segna  la  sconfitta della strategia del dialogo con i talebani sostenuta dal presidente Karzai, appoggiata dagli Stati Uniti. I talebani oggi hanno  chiarito una volta per tutte  che a loro non interessa far parte del processo democratico di ricostruzione dell’Afghanistan. Loro l’Afghanistan se lo vogliono riprendere e condividere con quanti li stanno sostendendo in questa follia sanguinaria. Una sconfitta per tutti noi, per il popolo afghano, per le donne afghane, mentre il Grande Gioco continua.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE