Sei qui:  / Articoli di Vincenzo Vita
Vincenzo Vita
  • Chi ha paura della stampa estera?

    Perché Renzi ha preferito un precipitoso rientro in Italia, dopo il discorso inaugurale del semestre italiano a Strasburgo, per andare a "Porta a porta"? Trasmissione,…

     
  • La Rai senza calcio senza futuro

    Alle baruffe chioz­zotte sul futuro della Rai, in cui si sfi­dano al momento, la spe­ranza non muore mai– ricette dibat­tute vent’anni fa, è curioso come i cul­tori…

     
  • Un referendum per scuotere l’Europa

    Il deposito presso la Corte di Cassazione di quattro quesiti referendari che abrogano alcuni punti rilevanti della legge 243 del 2012, le disposizioni di attuazione…

     
  • La Rai all’americana di Renzi

    Nel discorso intro­dut­tivo tenuto sabato scorso all’assemblea nazio­nale del par­tito demo­cra­tico Mat­teo Renzi ha par­lato – ed è stato più di un cenno — della Rai.…

     
  • Lo sciopero alla Rai

    Scio­pero! Il primo grande film di Ser­gej Eizen­stein. Scio­pero è il diritto ina­lie­na­bile di chi lavora di aste­nersi dalla fatica in nome di un obiet­tivo impor­tante…

     
  • L’articolo 21 di Enrico Berlinguer

    Enrico Berlinguer non sembrava empatico con il sistema dei media. Timido, legato ai tempi lunghi e lenti, centrato sulla parola scritta, il segretario del Partito…

     
  • Il punto Rai

    Attorno alla questione Rai –neanche troppo oscuro oggetto del desiderio- si sta giocando una partita che supera di gran lunga i confini dell’azienda. Una prova…

     
  • Chi perde, tv o web?

    La media ponderata dei commenti sulle recentissime elezioni europee (e amministrative) è pressoché unanime nella convinzione che la vecchia televisione generalista sia risorta e abbia…

     
  • Un’altra idea di Rai

    Dopo un anno di tentativi di Ri-mediare, che possiamo dire?  Che la par condicio è morta e il resto dei media non sta bene. Nel…

     
  • Reti neutrali

    A metà del secolo scorso negli Stati Uniti erano in grande spolvero il rock and roll e, naturalmente, il jazz, mentre in Italia egemonizzavano la…

     
  • Par condicio dove sei?

    I lettori (chissà se per sbaglio qualcuno dell’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni fa parte del circolo degli affezionati) non se ne abbiano a male. Si tornerà di nuovo sulla par condicio. Tuttavia, si plachino i malumori e gli sbadigli. Sarà probabilmente l’ultima volta, in quanto la legge n.28 del 2000 è stata abrogata di fatto. Senza neppure il civile coraggio di proporne nelle aule parlamentari...

     
  • Dispar-condicio. Bis

    Cara Autorità per le garanzie nelle comunicazioni, a Lei si potrebbe applicare l’indimenticabile battuta di Eduardo De Filippo in “Natale in casa Cupiello”, rivolto alla…

     
  • Rai-Way, l’oro nero

    L’Italia Coraggiosa e Semplice (chissà perché le maiuscole) dell’ultimo decreto legge del governo prevede un taglio alla Rai di 150 milioni di euro per il…

     
  • Dispar condicio

    Dura lex, sed lex. Almeno, dovrebbe. Sempre per usare il latino, il monito dovrebbe valere anche per la “par condicio”. Vale a dire il rispetto…

     
  • Frequenze stregate

    “L’aria serena dell’ovest” è un film di Silvio Soldini, che ben rappresenta l’atmosfera della Milano da bere degli ultimi anni ottanta. Quelli, in controluce, della…

     
  • Banda larga per tutti

    “Due o tre cose che so di lei” è il titolo di un famoso film di Jean-Luc Godard, che ben si potrebbe adattare alla vicenda…

     
  • Agendina digitale

    Il panorama italiano nell’era della transizione al digitale è davvero sconcertante. L’Agenda digitale, per ammissione dello stesso Francesco Caio –cui è stato affidato dal precedente…

     
  • Tv, il patto regge

    Ancora una volta si tratterà del conflitto di interessi. Un tormento senza estasi. E del tema strettamente connesso dell’ineleggibilità, strettamente inerente alla riforma elettorale. Ecco,…

     
  • Deleghe in giallo

    Nelle pieghe delle deleghe annunciate per viceministri e sottosegretari (quando si abolirà questo termine?), risalta una novità anomala, che –data la materia- potrebbe persino tingersi…

     
  • La par condicio è una cosa seria

    430.000 cittadini piemontesi (circa un decimo del totale) non ricevono il segnale regionale della Rai: 150.000 a Novara, 100.000 rispettivamente ad Alessandria e ad Asti,…

     
  • Frequenze tv, una pazza idea

    “Pazza idea”, cantava quarant’anni fa la celebrata Patty Pravo. E così appare la puntata ulteriore della vicenda seriale dell’asta delle frequenze digitali. La settimana passata…

     
  • Buon compleanno a l’Unità

    Buon compleanno a l’Unità. 90 anni straordinari. Articolo 21, che ha partecipato alla bella serata di festa e di ricordo della vita straordinaria del quotidiano,…

     
  • Frequenze al palo

    Come prima, più di prima», così diceva un famoso brano musi­cale della fine degli scorsi anni Cin­quanta. Ben si addi­ceva alla vicenda della gara per…

     
  • Lettere private

    Eccola di nuovo: la pri­va­tiz­za­zione – ormai una vera e pro­pria ideo­lo­gia, visto che capi­ta­li­smo e finanze lan­guono e pro­cla­mano crisi dura­ture – torna di attua­lità. Le Poste…

     
  • Comunicazione, governo senza politica

    Tra le anomalie permanenti dell'eterno caso italiano (progressivo negli anni settanta dello scorso secolo e ora mero impaccio per lo sviluppo democratico) c'è la piaga…

     
  • La causa si è persa

    Ha pro­fon­da­mente ragione Ste­fano Rodotà a dire che in un incon­tro sulla riforma elet­to­rale conta anche «chi» si siede al tavolo. E Sil­vio Ber­lu­sconi non è un inter­lo­cu­tore…

     
  • Tv, questa sconosciuta

    "Tu che continui a dirmi che verrà domani e non capisci che per me il domani e' già passato", così uno dei versi più belli e famosi di Alda Merini ("Non avessi sperato in te"). L'amara invocazione si potrebbe girare a Matteo Renzi ed Enrico Letta, che nelle rispettive agende hanno -almeno finora- rimosso il capitolo storicamente doloroso del conflitto di interessi. Nonché quelli connessi di una moderna regolazione del sistema dei media, e di urgenti nuovi criteri di nomina del vertice della Rai

     
  • Vecchia e analogica

    Bello e con­di­vi­si­bile l’appello sull’Europa lan­ciato sulle pagine de «il mani­fe­sto» lo scorso 22 dicem­bre. Si chiede giu­sta­mente un’inversione di rotta rispetto alle tri­sti e viru­lente poli­ti­che…