Sei qui:  / Articoli di Riccardo Cristiano
Riccardo Cristiano
  • Sebrenica: l’Occidente sapeva!

    I particolari inauditi che emergono sono agghiaccianti. Un esempio citato dall'ottima ricostruzione dell'Ansa: quando la situazione fu più chiara, l'Onu fece arrivare nella zona 30 mila litri di gasolio...

     
  • Cari cattolici, non rifiutatevi di salvarci

    C'erano una volta i valori non negoziabili. Con papa Francesco tutti i valori sono diventati non negoziabili. Dalla difesa della vita del nascituro a quella dei giovani disoccupati, dalla difesa della vita del moribondo...

     
  • Laudato sì e la modernità

    Novità enormi nell'enciclica verde. Sull'ecologia certo. Sull'economia certo. Ma non dimenticate il punto importantissimo: il rapporto con la modernità...

     
  • La Fnsi, il prete Dall’Oglio e il buco nero della storia

    Tutto è nato da una telefonata del portavoce di Articolo21, Giuseppe Giulietti: "mi risulta che ci sia un gesuita rapito da quasi due anni in Siria. E soprattutto mi risulta che sia un cittadino italiano. Certo, è solo uno dei 20mila sequestrati in Siria...

     
  • “La Siria di padre Paolo e oltre”centralità di un convegno. 26 maggio, Fnsi

    Martedì 26 maggio, alle 16,30, nella sede della Federazione Nazionale della Stampa si parla di padre Paolo Dall'Oglio. Un'iniziativa promossa da "Il Mondo di Annibale", Articolo21 e Fnsi. Di lui, del gesuita Paolo Dall'Oglio, non si hanno più notizie dal 29 luglio 2013, giorno del suo rapimento. Sono passati quasi due anni ormai...

     
  • La teologia del muro

    In mezzo al mar Mediterraneo c'era un gommone, come tanti altri. Il suo carico non poteva che essere di disperati, fuggiaschi, giunti fino alle sponde del Mare Nostrum da Nigeria, Senegal, Costa d'Avorio...

     
  • Un Medio Oriente per due jihadismi

    7 milioni di sfollati interni. 4 milioni di profughi fuggiti all'estero. Questa è la fotografia del prodotto della tragedia siriana. A questi dati andrebbero aggiunti quelli relativi all'Iraq, più complessi visto...

     
  • Selma… e Damasco

    La rivoluzione tradita, quella siriana entra nel suo quinto anno.Rileggerla all'ombra del grande discorso di Obama su Selma è utile

     
  • Attenzione: l’ISIS può ancora conquistarci

    Moni Ovadia lo ha spiegato benissimo, sostenendo che una volta che ci saremo fatti barbari come gli uomini di al-Baghdadi avremo indubitabilmente perso la partita. Ma gli schemi di gioco dei terroristi sono tantissimi. Uno di questi sta nel colpire "bene"...

     
  • Occhi chiusi su stampa siriana e irachena

    Il citizen journalism è diventato un bene diffuso e questo dimostra l'attenzione e il desiderio di essere informati, partecipi. Ma dei 244 giornalisti arabi uccisi in Siria dall'inizio del conflitto, la stragrande maggioranza dei quali ovviamente siriani, non si parla. Strano? Certamente grave e doloroso.

     
  • Buon compleanno, Paolo

    Quando tutto immaginavo tranne che ti rapissero, ti dissi che forse sarei venuto a trovarti per il tuo compleanno lì nel Kurdistan iracheno dove ti…

     
  • “Paolo, sei vivo?”

    Domani, 29 luglio 2014, sarà un anno da quando padre Paolo Dall'Oglio è stato inghiottito nelle tenebre della notte siriana. Gesuita, romano di 59 anni,…

     
  • Erdogan e l’arma del complotto

    Gezy PArk e Santa Sofia. Ruotano intorno a queste due "icone" turche, due simboli antichi e moderni di Istanbul, le mosse elettorali di Erdogan.  Il…

     
  • Siria, il grande imbroglio

    Quel che qualsiasi cieco vedrebbe in Siria, e cioè l'agire in nome e per conto di Iran e regime siriano delle brigate qaidiste, nessuno di noi vuole vederlo? I giornali italiani in particolar modo sembrano sicuri: o Assad, il laico, o le tenebre di al Qaida. Eppure come negare che operano insieme...

     
  • Padre Dall’Oglio: pensiero sequestrato

    Otto mesi dopo il sequestro di padre Paolo Dall'Oglio c'è un dato che appare indiscutibile: le sue idee sono scomparse, sequestrate come lui. Il suo libro "Collera e luce" è stato sì recensito da alcuni dei migliori pensatori italiani, come il priore della comunità monastica di Bose, Enzo Bianchi, ma la scossa che le sue idee volevano darci è stata lasciata, abbandonata. I termini crudi...

     
  • Appello per la Siria!

    Nei giorni scorsi un gruppo di scrittori ha promosso questo appello per la Siria. Noi scrittori ci dichiariamo solidali con i numerosissimi siriani che sono scesi…

     
  • Il suicidio del Mediterraneo

    Se potessi seguire la mia indole, farei il periplo del Mediterraneo, da Gibilterra risalendo la costa spagnola fino a tornare a Gibilterra dalla costa africana,…

     
  • L’Egitto e le classi sociali

    Se non è bella cosa parlare di sè parlando degli altri, è bene per parlare davvero degli altri capire che non possiamo parlarne come fossero…

     
  • Caso Dall’Oglio: chi è morto?

    Sai Paolo, mentre alcuni parlano di te non per quel che ti ha obbligato a rientrare in Siria, la pulizia etnica, i bombardamenti a tappeto…

     
  • Carissimo padre Paolo, sj

    Carissimo Padre Paolo, sj, l'estate di norma uno ha cose migliori da fare che sognare di parlare con un monaco. Tu non avevi desiderio più…

     
  • All’alba l’irruzione di Assad

    Ho sempre benedetto la scelta della stragrande maggioranza degli esseri umani di dormire alle prime luci del giorno, soprattutto d'estate. Lo spettacolo più bello che…

     
  • A quando Tahrir atto 3°?

    Un oceano di popolo ha sepolto un presidente inetto. Forza del popolo, e dell'incompetenza del presidente e dei suoi. Ma purtroppo quella con cui torniamo a fare i conti è una delle sigle più orrende della storia politica contemporanea: lo SCAF. Sembra indicare una tremenda malattia della pelle, e invece sono loro, i generali egiziani. Quelli che hanno condotto gli odiosi test di verginità sulle donne che andavano in piazza Tahrir, prima che Mubarak cadesse. Quelli che hanno governato l'Egitto con Mubarak, e prima di lui con gli altri "raìss"

     
  • Iran, la grande partita di Khameney

    Sul finire dello scorso anno, quando in Siria tutto sembrava perso per Tehran, notai un articolo molto interessante sulla stampa americana: l'ora della verità arriverà…

     
  • Siria, il capogiro di Walzer

    Quello di Michael Walzer è uno dei nomi che ho più cari per quel che attiene alla filosofia politica, alla lettura di una via moderna…

     
  • L’esempio di Amedeo Ricucci

    Accade che qualche giorno orsono io sia stato invitato dall'amico e collega Lorenzo Trombetta, corrispondente dell'Ansa da Beirut, a moderare un dibattito-presentazione del suo nuovo libro sulla Siria. Dico nuovo non solo perché uscito da poco, per i tipi della Mondadori, ma anche perché Lorenzo, giornalista-ricercatore o forse ricercatore-giornalista, sulla Siria ne aveva già scritto un altro di libro . E' stata l'occasione per ascoltarlo, e "stimolare" i relatori, il collega Saad Kiwan

     
  • al-Qusayr, città condannata a morte

    Si chiama "military bild-up". E' l'afflusso di un numero cospicuo di soldati, carri armati, miliziani e soprattutto di combattenti capaci, come quelli di Hezbollah. Sono…

     
  • Siria: lettera aperta a papa Francesco

    Caro Papa Bergoglio, mi permetto di scriverle questa lettera personale perché oggi mi ha molto colpito una cosa. Lei, stando a quanto riferito dal suo…