Covid-19, nuovi indagati per le minacce a Liliana Segre dopo il vaccino. Perquisizioni e sequestri

0 0

Svolta nelle indagini per le nuove minacce a Liliana Segre. Altre due persone sono indagate dalla Procura di Milano per diffamazione con l’aggravante dell’odio razziale per gli insulti a sfondo antisemita ricevute sui social dalla senatrice a vita, oltre ai due simpatizzanti di destra indagati e perquisiti, (un 75enne di Porto Scuso in provincia di Cagliari e un 39enne di Valentano, nel Viterbese). Da quanto si è saputo da fonti giudiziarie, gli accertamenti della Polizia Postale sui post inviati a Segre dopo il 18 febbraio che si è sottoposta trai primi alla vaccinazione anti Covid sono ancora in corso. Oltre agli autori dei messaggi già individuati, ce ne sono altri che hanno ingiuriato la senatrice a vita. Dato che le ingiurie non costituisce reato, la senatrice se lo riterrà, potrà procedere nei loro confronti in sede civile.

La senatrice a vita era stata vaccinata al Fatebenefratelli di Milano il 18 febbraio scorso e subito dopo era partita via social una “valanga di minacce e insulti”, tanto violenti da indurre la procura di Milano ad aprire un fascicolo per minacce aggravate dalla discriminazione e dall’odio razziale. “Tra i messaggi d’odio più raccapriccianti sicuramente quello in cui testualmente si afferma ‘Aveva paura di morire la stronza? Non sono riusciti neanche i tedeschi ad ammazzarla.. e ora ha paura di morire??’ oppure, ancora, quello di un altro utente che scrive ‘Ma se tirasse le cianche… quanto di risparmierebbe’, si legge nella nota della polizia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.