Sei qui:  / Arte / Culture / “Back to nature”, a Villa Borghese una mostra ci avvicina al legame arcano con la natura

“Back to nature”, a Villa Borghese una mostra ci avvicina al legame arcano con la natura

 

“Back to nature” è una mostra da non perdere a Roma dal 16 settembre al 13 dicembre 2020. Alla luce dei cambiamenti climatici e dell’attuale emergenza sanitaria globale, una riflessione sul futuro e sulla necessità di riconsiderare il rapporto tra uomini e ambiente è una necessita che percorre molte coscienze, per questo la bellissima Back to nature, Arte contemporanea a Villa Borghese – che coinvolge il Parco dei Daini, il museo Carlo Bilotti, il museo Pietro Canonica, La casa del cinema – a cura dello storico dell’arte e critico Costantino D’Orazio, potrebbe rivelarsi un successo. “Back to nature”ci metterà a contatto con le opere degli artisti Andreco, Mario Merz, Mimmo Paladino, Benedetto Pietromarchi (con una convincente mostra negli spazi del museo Bilotti), Davide Rivalta, Grazia Toderi, Edoardo Tresoldi e Nico Vascellari (con un nuovo film).

Componente del programma di Romarama – la manifestazione è diffusa promossa e prodotta da Roma Capitale, Assessorato alla Crescita culturale – Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali – Back to Nature è pensata come un festival in cui performance musicali, video e interventi di street art animeranno il tempo della mostra con coinvolgimento diretto del pubblico.

Un’occasione da vivere fino al prossimo 13 dicembre, fruibile attraverso i, tanto preziosi in questo periodo, grandi spazi all’interno dei saloni espositivi o all’aria aperta. Da non mancare il doppio igloo di Mario Merz; l’ultima opera di Mimmo Paladino, dieci bandiere ispirate alle sculture che un tempo decoravano i viali e le siepi di Villa Borghese affisse sulla facciata del Museo Pietro Canonica; Drops di Andreco, che abiterà la Prospettiva del Teatro nel Parco dei Daini; la videoinstallazione notturna Red Map di Grazia Toderi alla Loggia dei Vini; Etherea di Edoardo Tresoldi, grande scultura trasparente, incentrata sulla percezione esperienziale dello spazio e sul rapporto con gli elementi del parco, con cupole che ricordano quella di San Pietro; la grande bufala in bronzo fusa con il metodo della cera persa di Davide Rivalta, i leoni esposti sulla scalinata della Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea; l’opera video di Nico Vascellari alla Casa del Cinema; la mostra di Benedetto Pietromarchi al Museo Carlo Bilotti a cura di Paolo Falcone dove l’artista ha valorizzato alcuni alberi crollati .

Una nota a sé merita il video di Nico Vascellari, Vitriol, opera di forte impatto emozionale, un volo sulla Foresta del Cansiglio in Veneto: si può vedere alla Casa del cinema di Villa Borghese ininterrottamente dalle 17.00 alle 21 dei giorni 16/17/18. Poi dal 19 settembre al 31 ottobre le proiezioni passeranno al museo Canonica. Vitriol è impressionante perché rende alla perfezione l’uomo in balia di elementi che non può padroneggiare. Nico Vascellari, dopo essersi fatto iniettare un liquido soporifero nel sangue, è issato su una cinghia penzolante da un elicottero che, mentre Nico dorme, viaggia tra le nuvole, sopra le montagne, sotto le quali i boschi diventano disciplinate file di scolaretti. La sensazione di mistero e d’infinito è assicurata. Lo stesso Nico Vascellari, in conferenza stampa, ha affermato che l’emozione principale da lui provata è la paura. Quella paura che riesce a vincere chi cerca il dialogo, non solo sfruttamento , con la madre terra. Costantino D’Orazio l’ha giudicata opera degna della Biennale di Venezia.

 

Back to Nature. Arte contemporanea a Villa Borghese
Villa Borghese (Parco dei Daini, Piazza di Siena, area antistante Casino della Meridiana)
Museo Carlo Bilotti – Aranciera di Villa Borghese
Viale Fiorello La Guardia, Roma
Museo Pietro Canonica a Villa Borghese
Viale Pietro Canonica 2 (Piazza di Siena)
15 settembre – 13 dicembre 2020

Museo Carlo Bilotti
Giugno – settembre
Da martedì a venerdì e festivi ore 13.00 – 19.00 (ingresso fino alle 18.30)
Sabato e domenica ore 10.00 – 19.00 (ingresso fino alle 18.30)
Ottobre – maggio
Da martedì a venerdì e festivi ore 10.00 – 16.00 (ingresso fino alle 15.30)
Sabato e domenica ore 10.00 – 19.00 (ingresso fino alle 18.30)
Giorno di chiusura: Lunedì

Museo Pietro Canonica
Giugno – settembre ore 13.00 – 19.00
Ottobre – maggio ore 10.00 – 16.00
La biglietteria chiude mezz’ora prima
Giorno di chiusura: lunedì

Ingresso gratuito

Tel 060608 (tutti i giorni ore 9.00 – 19.00)

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con (*).

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.