Sei qui:  / Articoli / Informazione / La detenzione di Patrick Zaki nell’Egitto di Al Sisi. 25 marzo alle 18.30 dibattito diretta Facebook

La detenzione di Patrick Zaki nell’Egitto di Al Sisi. 25 marzo alle 18.30 dibattito diretta Facebook

 
A 48 giorni dall’arresto di Patrick Zaki, studente egiziano dell’Università di Bologna del Master Gemma (Women’s and Gender Studies) le condizioni della sua detenzione nelle carceri egiziane appaiono sempre più drammatiche: le ultime notizie sulle sue condizioni risalgono all’11 marzo e l’attenzione internazionale è tutta rivolta al contrasto alla diffusione del Covid-19 (una minaccia ancora di più pericolosa per Patrick che soffre d’asma).
Le mobilitazioni nelle piazze che per settimane hanno chiesto la sua liberazione sono inevitabilmente sospese ed è nostro compito non far calare l’attenzione sul suo caso. Dal 7 febbraio, giorno del suo arresto, abbiamo ascoltato molte promesse da parte delle istituzioni italiane e internazionali ma, al di là della presenza alle prime udienze sulla detenzione preventiva di Patrick Zaki, non sono state assunte iniziative più ampie e di segno critico sul piano diplomatico nei confronti dell’Egitto, uno Stato con il quale l’Italia e l’Europa, anche dopo l’assassinio di Giulio Regeni, hanno continuato a fare enormi affari economici, militari, sui rimpatri e la gestione dei flussi migratori.
Eppure nell’Egitto di Al Sisi ci sono migliaia di detenuti politici come Patrick (reo, secondo l’accusa, di aver fatto propaganda sovversiva e diffuso notizie false su Facebook), le libertà politiche e di stampa sono costantemente attaccate e giornalisti, politici d’opposizione, avvocati, attivisti, temono ogni giorno per la propria vita. Proprio il 18 marzo, ad esempio sono state arrestate quattro persone – poi rilasciate il giorno seguente – tra cui tre familiari di Alaa Abdel Fatah (volto simbolo delle rivolte di Piazza Tahrir) e Rabad al Mahdi (nota per essere stata tutor di Giulio Regeni) mentre protestavano contro il divieto di poter incontrare i detenuti a causa delle misure di contrasto al coronavirus. Qual è dunque il contesto sociale e politico in cui è maturato l’arresto di Patrick Zaki? Qual è lo stato dei diritti umani in Egitto? Quali sono gli interessi geopolitici dietro le relazioni con l’Egitto? A queste e ad altre domande proveremo a rispondere attraverso questa discussione, per non smettere mai di chiedere che Patrick venga liberato e possa tornare al più presto a studiare nella città di Bologna.
 
Ne parleranno mercoledì 25 marzo ore 18:30 dibattito online in diretta Facebook dalle pagine di Làbas e Amnesty Bologna con:
• Riccardo Noury – portavoce Amnesty International – Italia
• Erasmo Palazzotto – Presidente della Commissione Parlamentare di inchiesta sulla morte di Giulio Regeni
• Azzurra Meringolo – giornalista e scrittrice
• Francesco Strazzari – Professore associato di Relazioni Internazionali alla Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa
• Sara Prestianni – esperta di Egitto e di migrazioni

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE