Sei qui:  / Culture / Teatro / “Con-tatto”: Emma Scialfa e il suo “Hands On” per AltreScene al centro Zo di Catania

“Con-tatto”: Emma Scialfa e il suo “Hands On” per AltreScene al centro Zo di Catania

 

Catania – Armonia di cianciane e mani. Stridio di tasti e articolazioni, corde e corpi. E mani soprattutto. In “Hands On”, l’atto unico nato dalla residenza artistica estiva ospitata da Zo – che l’ha incluso nel cartellone di AltreScene – Emma Scialfa, nel ruolo di regista e protagonista, torna sulle scene dopo una pausa decennale con una creazione (prodotta da Moto Mimetico) che sottolinea l’originalità della ricerca coreografica della danzatrice catanese.

Sulla nuda e buia scena due musicisti e due danzatori: comune denominatore una riflessione e un atipico viaggio attraverso il “gesto sonoro e il suono del gesto” a partire dalle mani. Si tratta di un percorso volutamente incompiuto e quindi perennemente in divenire, aperto: e qui Scialfa sembra riprendere quel “flusso no-made” di un suo lontano e omonimo spettacolo. Gesti, movimenti e suoni, senza fissa dimora, tessiture sonore, figurative e non-verbali: “nomadi” appunto: che siano i movimenti ora flessuosi ora geometrici e intramati della stessa Scialfa e di Marius Moguiba – danzatore africano originario della Costa d’Avorio trapiantato oltralpe – o le note del piano preparato di Fabrizio Puglisi insieme alla chitarra di Paolo Sorge; e la sperimentazione musicale che contraddistingue il lavoro del duo e che punta proprio alla casualità del timbro, riecheggia proprio quella dei corpi e delle mani: battute, sfiorate, percorse, strette, innalzate.

Ogni occasione, ogni minimo oggetto di scena è pretesto: ora il nastro adesivo che pare limitare i movimenti e disegnare lo spazio (chissà se abbiano giocato pure le suggestioni del Cage di “Music for Piano” o di Berio) ora gli elastici fosforescenti che disegnano frame da desktop su un tessuto sonoro minimalista, mentre i corpi delineano la loro onda gestuale e sullo schermo si disordinano in un courier new vintage parole in libera associazione, in quello che pare configurarsi come un continuo presente: Emma Scialfa pare qui recepire sia la lezione di Cage che quella di Cunningham nell’elaborazione di una simultaneità in cui si spinge il corpo – per citare lo stesso Cunningham – a “divenire-corpo”, dunque a “divenire-idea” del corpo.  Liberissima concentrazione di gesti e suoni – fosse anche lo sfarfallio di un ventaglio rotto – “Hands On”, che non manca nemmeno di scatti auto-ironici, mira ad un continuo gioco coreografico volutamente privo di centro narrativo e di gravità, più significante che significato: quasi lustrale, dunque esoterico, in bilico tra suggestioni psicoanalitiche, metafisica e rappresentazione visionaria. Una nuova “esposizione convulsa dei fatti” (per citare un altro spettacolo della Scialfa) capace però di culminare nella quiete infinita della spirale di un abbraccio.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE