Sei qui:  / Articoli / Lavoro / Ancora morti sul lavoro. Cosa intende fare il nuovo governo?

Ancora morti sul lavoro. Cosa intende fare il nuovo governo?

 

Ancora morti per infortunio sul lavoro e di fatica. Chiediamo molto, noi dell’Osservatorio e i milioni di visitatori di questi anni, che finalmente si mettono ministri del lavoro e delle politiche agricole competenti e che stanno finalmente dalla parte dei lavoratori e non solo dell’industria? Chiediamo molto sentire dalla bocca di Ministri dire qualcosa per fermare questa strage o un governo finalmente interessato alla vita dei lavoratori e che si muove per salvaguardarli? Noi guarderemo con molta attenzione che metteranno in quei ministeri, se i soliti burocrati di partito e non persone competenti e anche umane (i burocrati l’anima non ce l’hanno). Anche il giorno 2 settembre ci sono stati due morti per infortuni e un morto di fatica e messo in regola un’ora dopo la sua morte. Pasquale non è morto per infortunio ma a 64 anni, in nero, su un tetto e con 40° nella civile Cesena. Gli altri due morti a Fondi di Latina dove ha perso la vita Alfonso Gentile per uno scoppio di una cella frigorifera e in Calabria un’antennista che è caduto dall’alto 20 giorni fa. Il 29 settembre l’Osservatorio rimarrà chiuso per protesta contro l’indifferenza verso queste tragedie.

Carlo Soricelli curatore dell’Osservatorio Indipendente di Bologna morti sul lavoro

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE