Sei qui:  / Blog / Intercettazioni, Fnsi: «Le ipotesi di nuovi reati e nuove pene a carico dei cronisti tornino nel cassetto»

Intercettazioni, Fnsi: «Le ipotesi di nuovi reati e nuove pene a carico dei cronisti tornino nel cassetto»

 
Il sindacato chiederà un incontro urgente con il Guardasigilli, rilevando che il ministro «ha sin qui respinto tali richieste e ha ricordato che il criterio di valutazione, anche nella pubblicazione delle intercettazioni, non può che essere l’interesse della pubblica opinione ad essere informata».
«Ogni qualvolta scoppia un grave scandalo e viene sollevata la ‘morale’, non manca chi tenta di riproporre i bavagli e di introdurre nuovi reati e aumenti di pena a carico dei cronisti. Il ministro Bonafede ha sin qui respinto tale richiesta e ha ricordato che l’unico criterio di valutazione, anche nella pubblicazione delle intercettazioni, non possa essere che la rilevanza sociale delle medesime e l’interesse della pubblica opinione ad essere informata su malaffare e corruzione. Dal momento che questa è anche la posizione ‘storicamente’ assunta dalla Fnsi, non possiamo che concordare ed esprimere l’augurio che ipotesi di nuovi reati e nuove pene siano prontamente rinchiuse in un cassetto». Ad affermarlo sono Raffaele Lorusso e Giuseppe Giulietti, segretario generale e presidente della Federazione nazionale della Stampa italiana.

«Anche perché – aggiungono – siamo ancora in attesa della nuova legge che avrebbe dovuto eliminare il carcere e contrastare le cosiddette ‘querele bavaglio’, diventate un’arma impropria da scagliare contro il diritto di cronaca. Per queste ragioni la Fnsi chiederà un incontro urgente con il ministro Bonafede».

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con (*).

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.