Sei qui:  / Blog / Città del futuro, in Asia e Africa la sfida dei prossimi anni

Città del futuro, in Asia e Africa la sfida dei prossimi anni

 

 

Il mondo gira sempre più intorno alle città, di anno in anno in crescita per dimensione, popolazione, richiesta di servizi. L’urbanizzazione è arrivata oggi al 55% e la previsione è un aumento fino al 68% per il 2050. Considerando l’aumento della popolazione mondiale previsto per i prossimi decenni, 2,5 miliardi di personepotrebbero aggiungersi nelle già affollate città tra circa 30 anni.

Asia e Africa si contendono il primato per l’espansione dei centri cittadini. Infatti, proprio il 90% dell’incremento urbano previsto per il 2050 avverrà nei due continenti. Le città dell’India, della Cina e della Nigeria rappresenteranno, da sole, il 35% dell’aumento di persone nei contesti urbani tra il 2018 e il 2050. I numeri che si leggono in queste previsioni sono eloquenti: nello Stato indiano le città ospiteranno 416 milioni di persone in più; nella grande Nazione cinese arriveranno 255 milioni di cittadini nuovi e in Nigeria 189 milioni.

Ad oggi, è Tokyo la città più grande e popolata del mondo, con 37 milioni di persone. Seguono Delhi, con i suoi 29 milioni di abitanti, Shangai, 26 milioni, San Paolo e Città del Messico che ospitano 22 milioni di cittadini. Se le previsioni indicano che la capitale giapponese subirà un declino della popolazione nei prossimi decenni, le proiezioni nei Paesi in via di sviluppo parlano di altro. L’urbanizzazione, infatti, avrà una velocità impressionante soprattutto in Africa e in Asia, con evidenti e importanti conseguenze.

Tra il 2018 e il 2035 si stima che la percentuale di crescita media annua della popolazione in alcune città africane sarà tra il 5% e il 4%. Nello specifico, questo esponenziale incremento si concretizzerà a Kampala in Uganda (5,1%), Dar-es-Salaam in Tanzania (4,8%), Abuja (4,5%) e Lagos (3,5%) in Nigeria, Addis Abeba (4,3%) in Etiopia e Luanda (3,7%) in Angola. In più, le città africane con maggiore crescita vedranno moltiplicare proprio lpopolazione giovanissima, sotto i 14 anni… continua su vociglobali

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE