Sei qui:  / Cinema / Culture / Venezia 2018. Cosa direbbe Gutenberg di un e-book? In concorso un film sul conflitto fra tecnologie

Venezia 2018. Cosa direbbe Gutenberg di un e-book? In concorso un film sul conflitto fra tecnologie

 

Alla Mostra di Venezia sarà presentato in concorso un film francese di cui è regista Olivier Assayas e protagonista femminile la bella Juliette Binoche. Il direttore della Mostra, Barbera, l’ha definito “una commedia deliziosa su come la rivoluzione digitale ha cambiato le nostre vite”. Il film avrebbe dovuto chiamarsi E-book, ma poi il titolo è stato cambiato in Doubles vies, Doppie vite. E’ la storia di un editore di successo e di uno scrittore stravagante che gli propone una storia d’amore scritta al computer.
Il film apre il dibattito: il libro in quanto oggetto è morto davvero? Spiega il regista: “ Al contrario, il libro di carta è diventato una garanzia di qualità. L’e-book non soddisfa la nostra sensorialità. Abbiamo bisogno di toccare, annusare, strapazzare le pagine. Il virtuale ci tenta, ma poi sentiamo il bisogno di tornare a una realtà tangibile. Succede nell’editoria, nel giornalismo, nel cinema”.
L’e-book, com’è noto è un libro che non c’è, che non si può sfogliare ma che si può leggere. Se grazie a una macchina del tempo, potesse tornare sulla terra cosa ne direbbe Gutenberg, il geniale inventore dei caratteri mobili che nel 1455 ha rivoluzionato l’arte della stampa? Ne sarebbe orgoglioso o inorridito?

A giocare con la macchina del tempo, ipotizzando charter dall’aldilà riservati ai grandi inventori ci sarebbe da divertirsi. Chissà cosa direbbe il marziano di Flaiano che, sceso con la sua astronave in piazza del Popolo, ha conosciuto la Roma degli anni Sessanta, chissà cosa direbbe della Roma di oggi irriconoscibile non solo per lui? E soprattutto cosa direbbe di quello che legge sui giornali e vede in televisione a proposito del suo pianeta che noi oggi fotografiamo in tutte le pose e stabiliamo con certezza che è brullo, inabitabile, con un grande lago ghiacciato al centro, un “pianeta rosso” su cui in tanti dicono che vorrebbero andare ma che sembra davvero inospitale. Quanto all’ipotesi che ci sia vita, ci sono più battute spiritose che ricerche scientifiche. Un dubbio: che i terrestri si stiano stufando di Marte così come i romani si stufarono del marziano di Flaiano?
Restando a Roma, chissà cosa direbbero gli imperatori romani Vespasiano e Tito, padre e figlio, se vedessero, loro che l’hanno cominciato nel 72 e finito nell’80 d.C., com’è ridotto oggi il Colosseo? Poco più di uno spartitraffico, una rotatoria per disciplinare la circolazione stradale, loro che lo vollero interamente coperto di marmi con una statua in ogni arcata e una folla vociante all’interno a entusiasmarsi per i giochi con le fiere e con i gladiatori. Oggi la folla è di turisti non tutti rispettosi della “maestà del Colosseo” (come cantava Venditti) tant’è vero che spesso qualcuno viene sorpreso a incidere il proprio nome sul muro, il celebre anfiteatro Flavio costretto a fare da rassegnato sfondo a ridanciani selfie sotto gli occhi irrispettosi di “centurioni” con elmo e corazza di plastica, invereconde comparse messe li da un Sindaco improvvido a fare colore.

E a proposito di automobili, chissà cosa direbbero se tornassero fra noi i lucchesi Eugenio Barsanti e Felice Matteucci che nel 1853 furono gli inventori del motore a scoppio che ha messo in movimento l’intera umanità se vedessero che il futuro dell’auto oggi non sono più cilindri e pistoni, candele e carburatori, benzina o gasolio ma una presa elettrica come un ferro da stiro, o una batteria come quella del telefonino? E il tedesco Rudolph Diesel, cui si deve l’omonimo motore a gasolio, cosa direbbe oggi che i motori come il suo sono considerati i più inquinanti e finiranno al bando? Sarebbero soddisfatti che la loro scoperta dura da quasi due secoli o delusi per la fatica che gli è costata e che oggi il mondo rifiuta?
E tornando al cinema, chissà cosa direbbero i fratelli Auguste e Louis Lumière se vedessero le sale cinematografiche oggi trasformate in supermercati o sale da bingo, e i film “proiettati” su minuscoli aggeggi elettronici, (smart phone, tablet, ipad ecc.) loro che con L’arrivo del treno in stazione tre giorni dopo il Natale del 1895 avevano messo in fuga il pubblico convinto che la locomotiva sarebbe piombata in platea? Netflix quest’anno ha vari film in concorso a Venezia ma in Mostra affascinano perché sono proiettati su grandi schermi in più sale, a giorni e orari diversi e si guardano con gusto. Conclude il regista Assayas: ”Per quanto riguarda il cinema meglio la pellicola, più sensuale e malleabile. Ma riconosco che il digitale dà risultati interessanti. Il vero choc è il passaggio dal grande schermo all’iPhone. Ma il cinema sopravviverà”. Musica per le orecchie dei Lumière.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE