Sei qui:  / Blog / Migranti e disagio mentale: una corretta informazione (2)

Migranti e disagio mentale: una corretta informazione (2)

 
Migranti e disagio mentale: una corretta informazione (2)

Ritorna l’informazione distorta sul tema salute con l’articolo pubblicato il 26 luglio dal quotidiano Libero “Otto profughi su 10 arrivano fuori di testa e in Italia peggiorano”. Carta di Roma ha intervistato Medici senza frontiere per un fact checking

di Piera F. Mastantuono

Il 60,5% dei profughi mostra problemi di salute mentale, 87% dei pazienti dei centri di accoglienza ha dichiarato di soffrire per le difficoltà legate alle condizioni di vita attuali” sono due affermazioni false perché decontestualizzate. Le percentuali indicate si riferiscono a 387 migranti presenti nei CAS del ragusano, oggetto del report di Msf “Traumi ignorati” pubblicato nel 2016.

Ciò significa che era il 60.5% dei 387 migranti che si trovavano in alcuni CAS del ragusano a lamentare questo disagio, non la totalità della popolazione migrante presente in Italia.

«Il disagio psicologico non è da confondersi con il disagio psichiatrico, poiché il primo è legato al dramma e alle esperienze di vita vissuta, e può essere enfatizzato dalle condizioni di vita attuali, come per ciascun individuo – sottolinea Silvia Mancini di Medici senza Frontiere – con disturbo psicologico s’intende il disagio che qualsiasi individuo, migrante e non, prova in avvenimenti particolarmente traumatici nella propria vita. Non è vero che i migranti abbiano una presunta maggiore problematicità psichica, soffrono dei nostri stessi disturbi» prosegue Mancini.

Traumatizzazione secondaria

Lo studio condotto da Msf voleva puntualizzare l’assenza, attualmente, di un sistema che accogliesse a tutto tondo la persona, e di come fosse invece necessario un approccio multiculturale che coinvolgesse assistenti sociali, psicologi, mediatori  culturali in grado di lavorare in coordinazione sinergica con le ASL e gli enti locali. «Un’accoglienza diffusa sul modello dello SPRAR, insieme ad un’equipe multiculturale che potrebbe aiutare a costruire ponti tra le culture e promuovere un complesso processo d’integrazione» conclude Mancini.

A livello lessicale è inoltre opportuno ribadire come coloro che vengono definiti “pazzi” siano in realtà persone con un disagio mentale, che può voler dire anche avere difficoltà a dormire, a mangiare, ad inserirsi, un senso di tristezza, appunto, un disagio.

«L’ 87% del campione di migranti non aveva di fatto bisogno di alcun supporto psicologico, ma dichiarava di soffrire della condizione attuale vissuta nei CAS (Centri di Accoglienza Straordinaria), si trattava quindi di un disagio trasmesso dalle condizioni inadeguate di un sistema di accoglienza che, di fatto, non accoglie e che può dar vita alle cosiddette traumatizzazioni secondarie dopo i traumi vissuti nel paese di origine e lungo il… Continua su cartadiroma

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con (*).

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.