Sei qui:  / Blog / Cronache di ordinario razzismo: Procura di Torino, nuove linee guida per contrastare odio e discriminazione razzista

Cronache di ordinario razzismo: Procura di Torino, nuove linee guida per contrastare odio e discriminazione razzista

 

Presentate in conferenza stampa, “le linee guida identificano come prioritari tutti i procedimenti iscritti per i reati commessi con finalità di discriminazione o di odio razzista”

A cura di Cronache di ordinario razzismo

“In questi ultimi tempi c’è stata una crescita di minacce, aggressioni, scritte e manifesti contro gli immigrati, spesso accompagnata dalla passività delle persone presenti”. A dichiararlo è il procuratore capo di Torino, Armando Spataro, che ha aggiunto: “Non tocca a noi intervenire nell’analisi politica e sociale, ma come Procura dobbiamo dare una risposta a questi reati odiosi e insopportabili”.

Nelle nuove linee guida impartite ai Tribunali, e presentate ieri in una conferenza stampa, sono fornite direttive «per un più efficace contrasto dei reati motivati da ragione di odio razziale e discriminazione etnico-religiosa, nonché per una più rapida trattazione degli affari dell’immigrazione, tra cui le procedure per il riconoscimento di protezione internazionale e altre forme di tutela umanitaria, nel rispetto dei diritti fondamentali delle persone». La Procura della Repubblica di Torino ha invitato anche Questura, Carabinieri, Guardia di Finanza e Polizia municipale a valutare “la possibile adozione di direttive o misure organizzative idonee a implementare l’efficacia e l’immediatezza degli accertamenti finalizzati all’identificazione dei responsabili dei reati”.

Nei primi paragrafi del documento i reati di discriminazione e di odio etnico-religioso sono esemplificati in “aggressioni, minacce, ingiurie, affissioni di volgari e intollerabili manifesti”, ma anche  nelle “scritte dello stesso contenuto vergate su immobili pubblici”.

Lo spirito del documento è stato condiviso dal procuratore generale del Piemonte e della Valle d’Aosta, Francesco Saluzzo, il quale ha sottolineato che: “La Procura di Torino ha dimostrato nel corso di anni di essere all’avanguardia nella lotta alla criminalità straniera” e che “non si può pensare che ci sia una sottovalutazione dell’importanza delle attività illegali degli stranieri”. Anzi, “il cittadino straniero ha egualmente il diritto di essere tutelato – ha precisato Saluzzo -: se viene commesso un reato nei confronti di uno straniero non si può né banalizzare, né dire che se l’è cercata”.

Una presa di posizione importante in questo momento difficile in cui le politiche migratorie sono al centro del dibattito pubblico con toni violenti e stigmatizzanti e in cui, come sottolineato dal procuratore Spataro, sono sempre più frequenti atti e manifestazioni razzisti.

Le linee guida identificano come prioritari tutti i procedimenti iscritti per i reati commessi con finalità di discriminazione o di odio razzista: un pool di magistrati farà in modo di evitare “di richiedere l’archiviazione per particolare tenuità del fatto”, di favorire maggiore rapidità nelle indagini necessarie all’individuazione dei responsabili e di svolgere le funzioni di pm in dibattimento.

Un’attenzione specifica è rivolta alle vittime laddove si invita il personale di Polizia Giudiziaria a fornire loro, sin dal primo contatto, le informazioni in… Continua su cartadiroma

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE