Sei qui:  / Opinioni / I cervelli deboli vogliono l’uomo forte

I cervelli deboli vogliono l’uomo forte

 

Nel rigurgito fascio-leghista e fascio-antifascista c’è voglia di violenza,  semplificazione, regressione all’infantile piacere dell’ubbidienza. Dove non si fa la fatica di capire per scegliere, con lo stress di sbagliare, ma ci si affida al confort dell’eseguire ciò che altri hanno scelto. L’uomo forte asseconda l’infantilismo politico di chi gli si consegna, ricambiando la cortesia con la  banalizzazione della complessità in schemi nitidi. Che diversificano il bene dal male per grandi ripartizioni. Usa i colori per questo, per rendere facili le differenze e le appartenenze. I colori della pelle per ritornare alle “razze”, ma anche quelli dei militanti: camicie nere per i fascisti,  verdi per i leghisti, come le squadre di calcio, così che anche il distratto non sbagli.

Per i cervelli deboli tutto deve essere ottico, apparente, univoco, immediato, rassicurante.
La verità, il bene, il giusto sono nell’essere conformi al prototipo. Date un modello da replicare al cervello debole e vi ringrazierà.
Perché chi non sa decidere, non vede l’ora di adeguarsi. Date uno slogan ghiotto al cervello debole e vi voterà.
Perché il cittadino-bambino vive di emozioni, entusiasmi e paure. E i ragionamenti dei grandi lo annoiano.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE