Sei qui:  / Opinioni / Appello per i profughi Lgbt nel campo di Kakuma, in Kenya 

Appello per i profughi Lgbt nel campo di Kakuma, in Kenya 

 

Abbiamo trasmesso un appello urgente agli Alti Commissari delle Nazioni Unite per i Profughi e i Diritti Umani e al Segretario Generale delle Nazioni Unite affinché provvedano a una serie di interventi umanitari a tutela dei diritti dei rifugiati gay, lesbiche e transgender presso il campo per rifugiati di Kakuma in Kenya.

Questi rifugiati, particolarmente vulnerabili, vivono in condizioni socio-sanitarie molto difficili, spesso non hanno appoggio da parte dell’UNHCR e mancano loro i documenti che ne attestino lo stato. Inoltre, sono colpiti a un ritmo quotidiano da violenze, insulti e minacce di tenore omofobico. 

E’ una situazione umanitaria inaccettabile, che pone questi giovani – discriminati fra i discriminati, poveri fra i poveri – in costante pericolo. EveryOne Group ha prestato ad alcuni di loro un sostegno di urgenza (con le proprie risorse), ma occorre un’azione costante ed efficace da parte delle Nazioni Unite. Non smetteremo di tenere aggiornate le istituzioni deputate a proteggere i rifugiati sulla situazione di questi ragazzi e ragazze, attualmente abbandonati a se stessi e a un ambiente terribilmente ostile. E non smetteremo di chiedere il rispetto dei loro diritti umani e l’accoglimento delle loro richieste di giustizia.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE