Sei qui:  / Opinioni / Sorpresa Sicilia, torna Berlusconi

Sorpresa Sicilia, torna Berlusconi

 

La Sicilia è la terra delle sorprese, può succedere di tutto. Può anche essere il palcoscenico del ritorno alla ribalta politica di Silvio Berlusconi, il fondatore di Forza Italia, del Pdl e della Fininvest. L’imprenditore che nel lontano 1994, contro ogni previsione, vinse le elezioni politiche, divenne presidente del Consiglio e fu tra i fondatori della non brillante Seconda Repubblica.

Adesso gli occhi sono puntati sulla Sicilia, terra conquistata dal centro-destra nella elezioni regionali di domenica 5 novembre. La Trinacria è la terra delle sorprese e dell’assurdo. Pietrangelo Buttafuoco ha rivelato al ‘Corriere della Sera’: la Regione siciliana, in barba ai suoi giganteschi debiti, può permettersi perfino il lusso di comprare una feroce orca marina e metterla a pensione nei mari del nord Europa.  Il giornalista catanese tra il serio e l’ironico ha commentato: «Non si ha idea di quanto costi allevare un’orca». Buttafuoco non ha precisato le caratteristiche dell’aggressivo predatore degli oceani (i maschi possono arrivare fino a una lunghezza di 9 metri e a 10 tonnellate di peso) battente bandiera della Trinacria, ma sembra che l’orca sia destinata al parco marino di Sciacca finora mai realizzato.

Il centro-destra, dopo un lungo testa a testa con i cinquestelle, ha portato a casa la vittoria: Nello Musumeci è arrivato primo con il 39,8% dei voti. Secondo Giancarlo Cancelleri, M5S,  con il 34,7%. Terzo Fabrizio Micari, centro-sinistra, con il 18,7%. Quarto Claudio Fava, sinistra, con il 6,1%. Quinto ed ultimo Roberto La Rosa, indipendentisti, con lo 0,7%. Ora il nuovo governatore siciliano Musumeci dovrà fare i conti con problemi enormi e surreali di tutti i tipi.  C’è anche il costosissimo paradosso delle guardie forestali: sono circa 25 mila i dipendenti (a tempo pieno o parziale) della regione Sicilia più gli 800 con poteri di pubblica sicurezza e di polizia giudiziaria inquadrati nei ranghi dell’arma dei carabinieri. Un esercito se si pensa alle guardie forestali delle altre regioni: il Piemonte, ad esempio, ne ha appena 400 con una superficie boschiva certo non inferiore alla Sicilia.

In realtà la regione di Archimede anche in questo modo cerca di dare una risposta all’altissima e perenne disoccupazione, una risposta più di tipo assistenziale  che economica. Non solo. Puntualmente ogni estate le fiamme riducono in cenere buona parte dei boschi siciliani e, più di una volta, i piromani arrestati erano delle guardie forestali in cerca di un nuovo incarico o di poter effettuare degli straordinari per guadagnare qualcosa in più.

Povertà, malessere sociale e illegalità (in molti casi guidata dalla mafia) costituiscono una miscela esplosiva pericolosa. Con il voto di domenica gli elettori siciliani hanno premiato le opposizioni e punito il centro-sinistra che ha guidato negli ultimi cinque anni Palazzo dei Normanni a Palermo. Il centro-sinistra ha pagato anche l’autogol della divisione: da una parte una lista centrata sul Pd e dall’altra quella basata sul tandem Mdp-Si. Soprattutto Matteo Renzi è il grande sconfitto, forse non a caso il segretario del Pd ha tenuto un basso profilo nelle elezioni siciliane.

Silvio Berlusconi ha smentito tutte le previsioni. Dato per morto sul piano politico per le tante sconfitte, per i pesanti guai giudiziarie, per la seria malattia al cuore, è invece ritornato in campo da trionfatore. Il presidente di Forza Italia, 81 anni suonati, ha battuto in lungo e in largo la Sicilia ed è riuscito e ricomporre i contrasti con Matteo Salvini (Lega) e con Giorgia Meloni (FdI), riunificando il centro-destra.

Beppe Grillo può essere soddisfatto. Ha raddoppiato i voti raccolti cinque anni fa quando superò a nuovo lo Stretto di Messina e la sua voce nella campagna elettorale nell’isola è stata molto più forte e decisiva di quella del giovane Luigi Di Maio, eletto nelle primarie online “capo” del M5S e candidato premier nelle elezioni politiche dell’anno prossimo.

Certo c’è un “piccolo problema” (si fa per dire) da risolvere tra i tanti: il già basso numero dei votanti cala ancora al 46,76% degli elettori rispetto al 47,41 delle regionali del 2012. La maggioranza degli elettori, ben il 53,23% ha disertato le urne. Un problema, invece, Musumeci l’ha schivato:   il centro-destra ha la maggioranza dei seggi a Palazzo dei Normanni per governare la Sicilia.

Fonte: www.sfogliaroma.it

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE