Sei qui:  / Blog / Trattati Roma: Gentiloni,dichiarazione impegnativa su molte sfide

Trattati Roma: Gentiloni,dichiarazione impegnativa su molte sfide

 

ROMA – La dichiarazione di Roma e’ tutt’altro che banale, e’ impegnativa su molte sfide che abbiamo davanti: lo scrive il premier Paolo Gentiloni su Facebook. “Nella settimana che si conclude, – afferma – Roma si e’ trasformata in una grande agora’ europea. Incontri dei parlamenti e delle forze sociali, dei giovani e dei think tank.

Discorsi che lasciano il segno, come quello di Papa Francesco in Vaticano e di Sergio Mattarella alle Camere riunite. E poi l’emozione di ieri: sessant’anni dopo, nella stessa sala del Campidoglio, finalmente un messaggio di fiducia nel futuro. Merce rara di questi tempi per l’Unione. Noi italiani possiamo essere orgogliosi di aver contribuito in modo decisivo a questo risultato , e non solo grazie alla bellezza romana vissuta in un sabato di sole. La dichiarazione cui assieme alla presidenza del Consiglio Ue abbiamo lavorato per settimane non modifica certo i trattati, ma e’ tutt’altro che banale. Potra’ forse essere disattesa, ma banale non e’. E’ firmata da tutti gli Stati, mentre dieci anni fa, per i cinquant’anni, non si raggiunse l’obiettivo e si dovette ripiegare su una dichiarazione dei soli presidenti delle tre istituzioni comunitarie. E’ impegnativa su molte delle sfide che abbiamo davanti. E’ chiara nel riconoscere la necessita’ di prevedere diversi livelli di ambizione nell’integrazione. Il dogma della “ever closer Union” per tutti non puo’ piu’ essere un alibi per restare fermi da parte di ciascuno”. Forse, prosegue il presidente del Consiglio, “sono ottimista, ma credo che il luogo in cui abbiamo firmato, la storia alle nostre spalle, l’ansia per la crisi in corso dopo Brexit, tutto abbia dato un senso speciale a quelle 27 firme. In una giornata che ha visto sventolare la bandiera europea non solo nelle istituzioni ma anche nelle piazze di Londra e Varsavia. E a Roma, contestata o invocata, ma in mezzo ai cittadini. Ecco, come altre volte l’Italia ha fatto la sua parte. Decisiva e nella direzione giusta. Di questo ringrazio tutti quelli che nelle istituzioni nazionali e locali e tra le forze dell’ordine hanno contribuito a questa bella giornata italiana e europea”.

Dazebao

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE