Sei qui:  / Opinioni / Finalmente tanti morti sul lavoro resuscitano (almeno per le statistiche)

Finalmente tanti morti sul lavoro resuscitano (almeno per le statistiche)

 

Si, come curatore dell’osservatorio Indipendente di Bologna morti sul lavoro sono contento, dopo questa grande inchiesta di Repubblica sui morti che spariscono dalle statistiche. Finalmente tutti sono stati costretti a prendere posizione. La sparizione di tanti morti sul lavoro l’avevo vista già al primo anno di monitoraggio delle vittime, era il 2009, avevo già raccolto in appositi file i morti del 2008, quando vennero fuori quelli dell’INAIL per quell’anno mi accorsi di questa anomalia. Come mai i morti che avevo registrato io erano molti di più?  E da allora che cominciai a domandare a destra e manca delle ragioni di questa differenza. Ma nessuno mi ascoltava. Del resto ero solo un metalmeccanico che si era messo in testa di far comprendere le dimensioni del fenomeno in tempo reale agli italiani. Avevo nomi e cognomi delle vittime, mica erano fantasmi. Prima le notizie più recenti del fenomeno avevano sei mesi o addirittura un anno. Ma questa discrepanza tra le statistiche che facevo io con l’aiuto dei miei figli e di qualche amico come Marco Bazzoni, anche lui metalmeccanico, addetto alla Sicurezza, che avevo conosciuto fin da subito per il suo costante impegno contro questo fenomeno degli infortuni anche mortali erano enormi, erano centinaia i morti che “sparivano”.

Anche un grande giornalista come Santo della Volpe s’interessava costantemente del fenomeno. Rimasi stupito quando vidi su Facebook la sua richiesta d’amicizia, avemmo numerosi contatti, venne anche a intervistarmi a casa mia.  Ma anche lui, non riusciva a rompere quel muro d’indifferenza, di menefreghismo e di omertà che c’era sul fenomeno morti sul lavoro. Come mai i morti sui LUOGHI DI LAVORO dell’Osservatorio erano molti di più? Guai a chi tocca la stampa e le televisioni e vuole intimorire i giornalisti. Si sono interessati del fenomeno tantissimi giornali, direi quasi tutti, pur sapendo come la pensavo e quel che scrivevo. Anche le televisioni pubbliche di tutti e tre i canali facevano ottimi servizi denunciando la differenza sul numero complessivo delle morti sul lavoro. Mentre le televisioni commerciali mai si sono occupate, se non in modo occasionale del fenomeno.  Il TG3 per esempio ha fatto una campagna durata mesi su queste tragedie. Ma niente la politica non ci sentiva. Mail tutti i mesi ai principali partiti e protagonisti della politica, li mettevo al corrente della situazione che denunciavo con l’Osservatorio, ma verso la vita di chi lavoro e delle denunce di un fenomeno che doveva far rizzare i capelli in testa niente. Anche i sindacati avevano lo stesso atteggiamento della politica.

La stessa indifferenza. Anche alla Camusso ho scritto diverse volte, con mail alla sua segreteria. Ma mai un interessamento. Del resto ho mandato mail alla segretaria Cantone dello stesso  SPI CGIL a cui sono iscritto facendo le stesse denunce. La stessa indifferenza, probabilmente le loro segreterie neppure le informavano delle mail (almeno lo spero). Poi quando ieri ho letto che la segretaria della CISL Furlan parlava di un “pugno nello stomaco” dopo aver appreso dall’articolo di Repubblica della sparizione di tanti morti sul lavoro dalle statistiche, sono rimasto basito. Eppure i contatti con tanti funzionari di questo sindacato ci sono stati. Com’è possibile che non comunichino tra di loro su fenomeni che a un sindacato avrebbe dovuto avere tra le priorità? Insomma un cittadino che attraverso un lavoro volontario vuole dare un contributo per problemi del Paese non conta niente. Ma una cosa ho sentito come gravissima; la grande lontananza che c’è tra le Istituzioni, di qualsiasi tipo al resto dei cittadini. Una superiorità che si manifesta con l’indifferenza, con l’ostracismo, con l’ironia, con la difesa della loro ”superiorità”. Di questo si dovrebbe occupare il Presidente Mattarella “della distanza tra cittadini e istituzioni ” che sta diventando patologica. Mi ha colpito molto recentemente la mia cancellazione tra gli amici di Facebook di un sindacalista che occupa un posto di primo piano sulla Sicurezza, di cui  per carità di patria non faccio il nome. Conosceva i miei dati da anni, spesso condivideva quello che scrivevo, poi lo vedo in televisione a un incontro con giornalisti, esponenti governativi e di quella che era la sua naturale controparte.

Praticamente dava ragione agli altri su quasi tutto. Anche che i morti sul lavoro calavano, quando invece dal 2008 sui luoghi di lavoro non sono mai calati e lui lo sapeva bene. Davvero un colpo allo stomaco. Ovviamente gli ho scritto quello che pensavo, e lui invece di rispondere in merito, mi ha cancellato dagli amici. Mi risulta che anche con altri abbia fatto così. Lesa maestà anche dei sindacalisti? Insomma un ottimo rappresentante del sindacato Istituzioni che rinuncia al suo ruolo. Ho accolto con molta soddisfazione del DDL “sull’omicidio sul lavoro” che ha come prima firma, non a caso un altro metalmeccanico, il Senatore Barozzino,  Finalmente la politica s’interesserà concretamente del fenomeno? Rinuncerà a fare leggi per diminuire ulteriormente la Sicurezza sui luoghi di lavoro come hanno fatto in questi anni ? Ricomincerà a considerare la vita di chi lavoro come tra e cose più importanti che deve tutelare? Considererà i vaucher, il precariato (che fa suicidare i giovani), il lavoro nero, e leggi come il Jobs act come  violenze contro i lavoratori? Ho forti dubbi per il semplice fatto che in parlamento sono pochissimi gli eletti che vengono dal lavoro dipendente. Sarà un parlamento veramente democratico quando ci saranno in queste Istituzioni anche la rappresentanza equa di venticinque milioni di lavoratori dipendenti. Ma noi metalmeccanici, anche se in pensione abbiamo la testa dura. Questa sarà la prossima battaglia, sarà lunga, sarà dura. Ma sarà restituita la rappresentatività politica e parlamentare al  mondo del lavoro.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE