Sei qui:  / Blog / L’ombra di Erdogan anche su Mosul

L’ombra di Erdogan anche su Mosul

 

La Turchia insiste nel voler partecipare all’offensiva per strappare all’Isis la città irachena e afferma di aver bombardato postazioni dei jihadisti. Baghdad e i peshmerga curdi smentiscono

Michele Giorgio

L’Iraq smentisce ma è evidente il coinvolgimento, non richiesto, della Turchia nell’offensiva volta a strappare Mosul al controllo dell’Isis. Domenica era stato il primo ministro turco Binali Yildrim ad annunciare che l’artiglieria di Ankara aveva aperto il fuoco contro obiettivi dell’Isis da posizioni a nord-est della seconda città. Il comando delle forze congiunte irachene però ha negato «la partecipazione turca di qualsivoglia tipo nelle operazioni per la liberazione (della provincia) di Ninive». E altrettanto ha fatto il generale dei peshmerga curdi Eskender Gerdi. «Non abbiamo chiesto alla Turchia di fornire un sostegno di artiglieria contro le posizioni terroriste», ha detto Gerdi alla televisione Rudaw. Tuttavia giornalisti locali, che seguono l’avanzata curda verso la cittadina di Bashiqa, dicono di aver visto numerosi colpi di artiglieria sparati dalla vicina base turca cadare su postazioni dello Stato islamico.

Come ha fatto nel nord della Siria con l’offensiva Scudo dell’Eufrate, ufficialmente contro i jihadisti ma in realtà contro i curdi, il leader turco Erdogan ha ordinato ai comandi militari di rompere gli indugi anche in Iraq. L’obiettivo è quello di garantire una poltrona alla Turchia al tavolo delle possibili discussioni sul futuro del nord della Siria e dell’Iraq ed impedire qualsiasi forma di autodeterminazione vera per i curdi. Per Baghdad la presenza militare turca nel territorio iracheno è fonte di rabbia e imbarazzo ma le intimazioni alla Turchia di uscire subito dal Paese hanno fatto solo il solletico ad Erdogan ben cosciente della debolezza dell’Iraq.

Guarda in avanti, con occhi e finalità ben diverse da quelle di Erdogan, mons. Rabban al Qas, vescovo di Zakho e Amadya dei Caldei, nel Kurdistan iracheno. Se l’avanzata in corso su Mosul alimenta le speranze cristiani, sciiti, yazidi di poter tornare a vivere in quella città e nei villaggi circostanti, al Qas ha messo in guardia dalle gravi tensioni sociali che sorgeranno dopo la liberazione dall’Isis. «Quando Mosul sarà liberata – ha spiegato il vescovo ieri alla fondazione pontificia Acs – la speranza dovrà confrontarsi con la realtà: nuove tensioni per chi dovrà governare una città totalmente diversa da quella abbandonata nel 2014». Fra le famiglie cristiane ad Erbil o a Duhok , ha aggiunto al Qas, «è percepibile il profondo dolore per il tradimento dei vicini di casa, musulmani sunniti che inizialmente hanno accolto con favore gli uomini del Califfo. Sarà difficile garantire una pacifica convivenza nel breve termine. Speranza quindi, ma con i piedi ben piantati per terra. Gli iracheni non debbono illudersi che il giorno dopo sarà tutto risolto». Timori ben fondati. Non è escluso che tra le centinaia di migliaia di abitanti di Mosul che, quando comincerà la battaglia strada per strada, abbandoneranno la città ci saranno anche una parte di quelli che nell’estate 2104 applaudirono ai jihadisti e che non mossero un dito per impedire espulsioni ed esecuzioni sommarie di sciiti, cristiani e yazidi. Persone che ora temono le vendette dei familiari di chi è stato ucciso dall’Isis.

L’offensiva comunque va avanti. Le truppe della coalizione irachena sarebbero giunte a cinque miglia da Mosul entrando, secondo fonti locali, in un villaggio dove hanno distribuito acqua e generi alimentari alla popolazione. Si è già affievolito invece l’attacco che i miliziani dell’Isis, in parte infiltrati da giorni nella città, alla fine della settimana passata hanno lanciato contro Kirkuk per aprire un secondo fronte ed alleggerire la pressione su Mosul. Gli attacchi aerei sono incessanti e non sempre colpiscono “chirurgicamente” le postazioni dello Stato islamico, come vorrebbero far credere i comandi militari, a cominciare da quelli americani. Human Rights Watch ha chiesto una indagine sul raid aereo della coalizione a guida Usa che ha centrato la sezione femminile di una moschea sciita nella città di Daquq facendo almeno 13 morti. L’Isis invece colpisce a centinaia di km dal fronte. A Baghdad gli ultimi attentati suicidi hanno fatto almeno 11 morti.

Si stringe la morsa anche intorno alla zona est di Aleppo, in Siria, occupata dai qaedisti di an Nusra e da altre milizie jihadiste riunite nel Jaish al Fateh, e abitata ancora, stando all’Onu, da oltre 200mila civili. Terminato il cessate il fuoco unilaterale proclamato dalla Russia e da Damasco, i combattimenti sono ripresi e le truppe governative appoggiate dall’aviazione hanno conquistato altre importanti postazioni. I comandanti di Jaish al Fateh da parte loro sostengono di essere sul punto di lanciare attacchi che spezzeranno l’accerchiamento di Aleppo est. Nena News

Fonte: Il Manifesto

Da perlapace

 

 

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE