Sei qui:  / Opinioni / ‘A cammesella

‘A cammesella

 

La sfilata di felpe più o meno insultanti indossate dal leader leghista è affare privato da chi si ritiene offeso e discriminato oppure compiaciuto e rappresentato. Gli interessati hanno il diritto di farsi valere/rivalere come meglio credono.
A tutt’altro fenomeno (da baraccone) appartiene l’ultima perfomance del soggetto in questione.

Chiunque abusivamente porta in pubblico la divisa o i segni distintivi di un ufficio o impiego pubblico, è punito con sanzione amministrativa (Art. 498 Codice Penale). Dunque possiamo chiuderla qui e procedere penalmente contro il consigliere comunale milanese Matteo Salvini, senza aspettare che esponga al pubblico ludibrio ulteriori divise istituzionali che, a suo dire, gli sarebbero state regalate dai rispettivi corpi appartenenti.
Se corrispondesse al vero mi piacerebbe peraltro sapere a che titolo un servitore dello Stato si permette di distribuire capi di abbigliamento che gli ho pagato io.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE