Sei qui:  / Blog / Asilo, detenzione e malaccoglienza al tempo degli Hot spot

Asilo, detenzione e malaccoglienza al tempo degli Hot spot

 

Venerdì 22 luglio Conferenza Stampa sui risultati della mobilitazione del 20 giugno, Giornata Mondiale del Rifugiato. La campagna ha fatto richiesta di ingresso in più di 60 centri. Ma alcuni sono ancora off limits.

#20GIUGNOLASCIATECIENTRARE

Asilo, detenzione e malaccoglienza al tempo degli Hot spot

Lo Sguardo di LasciateCIEntrare

La Conferenza Stampa a cui chiediamo di partecipare, tanto agli operatori dell’informazione che al mondo attivo della società civile domani venerdì 22 luglio alle ore 11.00 presso la sede dell’FNSI, Corso Vittorio Emanuele II, 349 Roma, presenterà i risultati della mobilitazione nazionale indetta per lo scorso 20 giugno, Giornata Mondiale del Rifugiato.

La campagna ha fatto richiesta di ingresso alle varie Prefetture d’Italia per visitare più di 60 centri tra CIE, CARA, CAS ed HOT SPOT.

Il Ministero dell’Interno ha espressamente vietato l’ingresso negli HOT SPOT di Lampedusa, Trapani e Pozzallo, e ha concesso l’autorizzazione solo per alcuni centri, mentre altri rimangono ancora OFF LIMITS alla stampa e alla società civile. Alla conferenza stampa interverranno molti dei nostri referenti territoriali che hanno preso parte alle visite autorizzate, dal Friuli Venezia Giulia, dal Veneto, Piemonte, Lazio, Molise, Campania, Calabria, Basilicata, Puglie, Sardegna e Sicilia. Avremo in collegamento telefonico l’Avv. Alessandra Ballerini che in questi giorni è riuscita ad entrare negli HOT SPOT di Trapani e Lampedusa con l’europarlamentare Elly Schlein.Testimoni che racconteranno di un sistema quasi al collasso, privo di una politica di medio – lungo termine, in cui il business e la periferizzazione dei luoghi di accoglienza, sembrano costituire un fronte unico, un immenso parcheggio per esseri umani scampati alle guerre e alle dittature… continua su perlapace

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE