Sei qui:  / Blog / Nei panni di un rifugiato: il viaggio virtuale che fa “vivere” l’esodo

Nei panni di un rifugiato: il viaggio virtuale che fa “vivere” l’esodo

 

Prende il via domani a Roma la #Milionidipassi Experience, organizzata da Msf. Tramite visori di ultima generazione lo spettatore si troverà immerso nelle condizioni di chi è costretto a fuggire, negli estenuanti viaggi via terra e via mare che dalla Siria portano in Grecia, nelle baracche fatiscenti del Sud Sudan

ROMA – Vivere l’esperienza delle migrazioni forzate, immergersi nelle condizioni drammatiche in cui sono costretti a vivere migranti e rifugiati, rifare il viaggio via terra e via mare che tanti di loro hanno intrapreso in cerca di salvezza. Prende il via a Roma, dal 15 al 18 giugno, la #Milionidipassi Experience, il grande tour multimediale ed esperienziale di Medici Senza Frontiere (Msf) che fino all’anno prossimo girerà tutta l’Italia per far vivere, oltre che conoscere, la realtà di milioni di persone che oggi nel mondo sono in fuga da guerre, violenze o povertà, e rilanciare l’appello perché sia garantito il diritto di tutti di avere salva la vita.

L’installazione, che sarà inaugurata domani a piazza San Silvestro, a pochi giorni dalla Giornata mondiale del Rifugiato, è un’iniziativa della campagna di Msf #Milionidipassi dedicata alle persone in fuga. Tramite visori di ultima generazione che permettono di vivere un’esperienza virtuale a 360 gradi, lo spettatore si troverà immerso nelle drammatiche condizioni di chi è costretto a fuggire, negli estenuanti viaggi via terra e via mare che dalla Siria portano in Grecia e lungo i Balcani, nelle baracche fatiscenti dei campi profughi del Sud Sudan, dove centinaia di migliaia di persone sono sfollate e a causa delle violenze indiscriminate dovute al conflitto interno scoppiato due anni fa. Il tutto sotto la guida di operatori umanitari di Msf che hanno lavorato in prima persona in quei contesti e condivideranno la propria esperienza.

“L’anno scorso ho coordinato i progetti di Msf in Sicilia, ho assistito a tantissimi sbarchi e ho ascoltato le storie disperate di migliaia di donne, uomini e bambini. È una drammatica routine che si ripete anche quest’anno”, aggiunge Chiara Montaldo, una delle operatrici Msf che guiderà il pubblico nella tappa di Roma. “Non dobbiamo più accettare che chi fugge debba rischiare la propria vita in viaggi segnati da violenza, sfruttamento e paura. Chiunque senta sulla propria pelle quell’esperienza accoglierà queste persone con nuova umanità”.

Dopo la tappa di Roma, a Piazza San Silvestro dal 15 al 18 giugno, il tour della Milionidipassi Experience proseguirà al Giffoni Film Festival (16-24 luglio), al Festival della Letteratura di Mantova (7-11 settembre), al Festival di Internazionale a Ferrara (30 settembre-2 ottobre), al Festival della Scienza a Genova (27 ottobre-6 novembre) e in tante altre località per tutto l’anno prossimo. Mail milionidipassi.experience@msf.org

Negli ultimi anni Msf ha aumentato i propri sforzi per soccorrere le popolazioni in movimento, nei paesi colpiti dalle crisi e lungo tutto il percorso di fuga. Oggi Msf offre assistenza medico-umanitaria a sfollati, rifugiati e richiedenti asilo in più di 30 Paesi. In Europa, Msf ha triplicato i propri progetti per rispondere ai bisogni di rifugiati e migranti e lavora in Grecia, Balcani, Italia, Francia. Nel 2015, ha preso la decisione senza precedenti di avviare attività di ricerca e soccorso nel Mediterraneo centrale e nel Mar Egeo.

Da redattoresociale

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE