Sei qui:  / Opinioni / Va colpita la corruzione non con rotazioni “lineari”…

Va colpita la corruzione non con rotazioni “lineari”…

 

La nuova disciplina del processo prevede la rotazione degli ufficiali giudiziari, per evitare la corruzione. Sono decisamente contrario a questa impostazione.

Primo, perché se una persona è corrotta va cacciata via, non “ruotata”. Altrimenti contagerà un altro ufficio, senza perdere il vizio. Esattamente come faceva  il Vaticano, quando invece di denunciare il prete pedofilo, lo mandava a far danno in un’altra parrocchia. Secondo, si colpisce l’esperienza che una funzione richiede e che si forma in anni di esercizio. Non s’improvvisano competenze complesse e non si devono sprecare quando si siano finalmente consolidate.
Insomma, va colpita la corruzione non con rotazioni “lineari” e indiscriminate, ma con procedure di controlli accurati e mano severa per i corrotti.
I dirigenti esperti e onesti lasciamoli lavorare. Nonostante una Pubblica Amministrazione così affaticata, ci sono. E sono essenziali.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE