Sei qui:  / Opinioni / Caso Regeni, gli egiziani sono pessimi compari

Caso Regeni, gli egiziani sono pessimi compari

 

Come una mosca che sbatte sul vetro della finestra per ore. Sono giorni, settimane che l’Italia chiede verità sul caso Regeni e sbatte sulle menzogne. Non quelle delle risposte degli egiziani, tante e marchiane, ma quelle delle domande del nostro governo. Viziate dai sottotitoli, che dicono “voi dateci una versione non vera ma spendibile e noi sistemiamo tutto, perché siamo mercanti e gli affari (petrolio) vengono prima della dignità e della verità”.

Ma gli egiziani sono pessimi compari.
Non sanno depistare con la perizia che noi abbiamo affinato negli anni. Fanno errori da bambini, mettono i passaporti su un vassoio d’argento, invece di far trovare dossier ben confezionati; se la prendono con una banda di balordi, invece di accusare gli appositi estremisti (da noi, gli anarco insurrezionalisti); sparacchiano versioni contrastanti, invece di stendere una coltre di impenetrabile silenzio.
No, la verità su Regeni non la sapremo mai.
Perché la sappiamo già.
E non ci conviene.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE