Sei qui:  / Articoli / Informazione / Santo c’era sempre. Come collega, come attivista, come amico

Santo c’era sempre. Come collega, come attivista, come amico

 

Ci eravamo visti poche settimane fa alla riunione con gli amici di Articolo 21 per un nuovo importante progetto. Quando gli chiesi come stava, sorrise lievemente e rispose: resisto. Nonostante tutto non aveva voluto far mancare il suo sostegno. Santo c’era sempre. Come collega, come attivista, come amico. È stato e sarà un riferimento per generazioni di giornalisti. Ha insegnato a me, come a tanti altri che non bisogna mai fermarsi davanti al muro delle censure, delle omertà e delle intimidazioni. Ha insegnato a tutti noi cosa significa il giornalismo d’inchiesta, è stato un esempio di equilibrio e di tenacia. Ha mostrato come l’impegno sociale possa procedere parallelamente con quello professionale. Si è speso fino all’ultimo  in favore della legalità, nella lotta alle mafie, contro ogni bavaglio e le morti bianche. Lascia un patrimonio immenso con i suoi scritti. E il suo ricordo ci permetterà col tempo di lenire il dolore per la sua perdita. Mancherà a tutti noi. Infinitamente.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE