Sei qui:  / News / Sabato a Piazzale Ungheria Al via la raccolta firme sul ddl povertà, sabato 6 giugno a Palermo

Sabato a Piazzale Ungheria Al via la raccolta firme sul ddl povertà, sabato 6 giugno a Palermo

 
Sabato prossimo, 6 giugno, a Palermo, a Piazzale Ungheria, presso i portici di Via Ruggero Settimo, , i rappresentanti delle associazioni promotrici, presente anche il Sindaco, Leoluca Orlando, daranno il via alla raccolta delle firme di sottoscrizione al ddl di iniziativa popolare contro la povertà assoluta.
Sarà la prima di tante iniziative su tutto il territorio siciliano. Sabato mattina, a Catania, presso la sede del Comune vi sarà la conferenza stampa di presentazione del ddl. Tra gli altri appuntamenti, anche quello di venerdì 5 giugno, a partire dalle 18, a Sant’Agata di Militello (Me) presso il Castello Gallego; quello di sabato mattina a Villa Sperlinga a Palermo presso il mercatino “Campagna amica” e nel pomeriggio nella piazza centrale di Villabate. Sabato e domenica pomeriggio presso la Piazza Madrice di Casteldaccia; domenica pomeriggio a Capo d’Orlando presso Piazza Matteotti e a Caltavuturo, presso corso Vittorio Veneto.
Il sito del Centro Pio La Torre (www.piolatorre.it) pubblicherà in tempo reale l’elenco, sempre aggiornato, delle sedi e delle piazze e dei luoghi dove si potrà firmare.
“Facciamo appello a tutti i siciliani – dichiara Vito Lo Monaco, presidente del Centro Pio La Torre –  di non far mancare la loro solidarietà e la propria sferzata all’Ars e al governo, perché discutano meno d’incarichi e si confrontino di più e operativamente sui problemi sociali. Le mafie, le sconfiggiamo anche sottraendo la possibilità di ricatto clientelare verso le famiglie povere; cancellando le forme più estreme di povertà renderemo più liberi milioni di cittadini di esprimersi per una classe dirigente più qualificata e dedita al bene comune. Così libertà dal bisogno diventa sinonimo di voto libero da ogni clientelismo e da ogni mafia. È una grande occasione – conclude Lo Monaco – per rivitalizzare il nostro sistema democratico, non sprechiamola. Una firma per sottoscrivere il ddl significa anche questo”.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE