Sei qui:  / Opinioni / Nazareno, frigo e monòpoli

Nazareno, frigo e monòpoli

 

Con Mattarella Renzi ha rotto il patto del Nazareno? Non ne sarei così sicuro.  Prima di tutto vediamo se va a dama questa candidatura, molto migliore di altre, ma lontanissima dal prestigio di Prodi.

Ma poi accendiamo un riflettore sul nuovo segretario generale del Quirinale, perché è lì che il patto potrebbe ricostituirsi, magari offrendo l’influente  carica a Letta Zio.
Non solo. c’è anche la proposta di legge “manina” in frigo per la depenalizzazione di evasioni e frode fino al 3% che non è stata ritirata proprio per scongelarla e servirla in caso di riappacificazione. Se poi Silvio tenesse ancora il muso, si potrebbero escludere i suoi processi dalla norma che allungherà la prescrizione.
Infatti, il combinato disposto di queste due leggi vale una grazia – parola impronunciabile quanto aggirabile – perché restituirebbe quella piena agibilità politica che B chiede da tempo, per rientrare i campo e regolare i conti in casa propria.
E i 5 Stelle?  Giocano al monòpoli delle quirinarie.
E aspettando di prendersi un giorno il Parco della Vittoria, si trovano di nuovo nel Vicolo Stretto.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE