Sei qui:  / Appuntamenti & Eventi / Articoli / Iniziative Articolo21 / Autisti sospesi, martedì 28 ottobre la consegna delle 56mila firme raccolte da Articolo21 su Change.org

Autisti sospesi, martedì 28 ottobre la consegna delle 56mila firme raccolte da Articolo21 su Change.org

 

Martedì 28 ottobre alle ore 17:30 saranno consegnate all’assessore ai trasporti ed alla mobilità del Comune di Roma Guido Improta le firme raccolte da Articolo21 sul sito Change.org per chiedere che siano reintegrati i due  autisti sospesi per le loro dichiarazioni alla trasmissione di Rai3 Presa Diretta.

“La decisione della Trotta bus service di Roma di sospendere Ilario Ilari e Valentino Tomasone, delegati dell’Unione sindacale di base, nonché autisti dei bus, è sbagliata nel metodo e nel merito. Il provvedimento,infatti, è stato assunto in seguito alle dichiarazioni da loro rilasciate alla trasmissione “Presa Diretta” di Rai3 che, per altro, aveva documentato con la consueta professionalità, disfunzioni, sprechi e inefficienze”. Lo affermano in una nota Stefano Corradino e Giuseppe Giulietti, direttore e portavoce di Articolo21 nell’invitare a firmare la petizione sulla piattaforma Change.org che ha superato le 55 mila firme.

“Invece di rispondere nel merito è partito un provvedimento disciplinare che ricorda editti e leggi bavaglio. Non si tratta solo, e non sarebbe poca cosa, di una lesione dei diritti sindacali e del diritto di critica, ma anche di un oltraggio nei confronti dei valori racchiusi nell’articolo 21 della Costituzione. Per questa ragione riteniamo essenziale che, a manifestare solidarietà e a chiedere la revoca dei provvedimenti di sospensione, siano in primo luogo le associazioni dei giornalisti che, in molte occasioni, hanno chiesto la solidarietà dei cittadini contro i bavagli di ogni colore e natura?”. “Siamo sicuri – concludono Corradino e Giulietti – che il sindaco di Roma, Ignazio Marino, troverà il modo di esprimere il suo dissenso e di assumere tutte le iniziative atte a chiudere subito questa brutta pagina?”.

Firmate la petizione sul sito Change.org

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE