Sei qui:  / Opinioni / Fondata da Gramsci e sfondata da grami

Fondata da Gramsci e sfondata da grami

 

Antonio Gramsci la chiamò l’Unità […unità di tutta la classe operaia intorno al partito, unità degli operai e dei contadini, unità del Nord e del Mezzogiorno, unità di tutto il popolo italiano nella lotta contro il fascismo…]. Il fascismo, 4 mesi dopo la fondazione della testata, uccise Giacomo Matteotti. La testata a febbraio ha celebrato i suoi 90 anni, ma a luglio è stata uccisa. Il 2014, non solo per gli affascinati dalla numerologia, dai corsi e ricorsi e dalle coincidenze, fornisce anche un’altra data degna di riflessione: 30 anni fa moriva Enrico Berlinguer.

Una breve rilettura della storia dei tre uomini è più che sufficiente, a chiunque, per capire che non aver impedito la chiusura di quel giornale equivale a sprezzante menefreghismo per la (sofferta) storia dell’unità del nostro Paese. Unità che viene ben prima del mero organo ufficiale del “partito comunista d’Italia”.

A parte le firme straordinarie che hanno onorato le sue pagine (giusto qualcuna: Gobetti, Pavese, Calvino, Vittorini, Quasimodo, Mila, Pasolini, Lorca, Hemingway ) certo è che poi, naturalmente, qualcosa di sinistra viene anche in mente soprattutto ricordando l’epoca dei girotondi quando Moretti urlò: “D’Alema dì qualcosa di sinistra!” ché se volevamo ascoltare qualcosa la si poteva leggere solo sull’Unità. Ma dopo il non dire si passò al non fare: tempi grami a rotta di collo.

E poi venne Renzi il divino (nel senso di piccolo divo) che mai come oggi avrebbe potuto giocarsi una carta preziosissima: impedendo la chiusura del quotidiano, per la prima volta dopo tanti anni, avrebbe dimostrato che finalmente era arrivato un segretario che almeno una cosa per la sinistra l’aveva fatta…

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE