Sei qui:  / Articoli / Informazione / Chi ha paura della stampa estera?

Chi ha paura della stampa estera?

 

Perché Renzi ha preferito un precipitoso rientro in Italia, dopo il discorso inaugurale del semestre italiano a Strasburgo, per andare a “Porta a porta”? Trasmissione, tra l’altro, trasmessa in prima serata da Rai1, ma ferma a poco più del 14% di share. Che logica c’è? Visto che Renzi ha un evidente settimo senso mediatico, viene il sospetto che l’apparente gaffe nasconda una fragilità politica. I giornalisti della sala stampa del Parlamento europeo avrebbero probabilmente sottoposto il Presidente del consiglio italiano ad una cross examination accurata sul programma del semestre. Ecco il punto. Forse era meglio evitare, per entrare nella più soffice e prevedibile cerimonia mediatica di Vespa. De gustibus. Attenzione. La società dell’informazione ha la sua netiquette, che contribuisce alla parabola della reputazione. Insomma, si è inverato un sintomo di qualcosa che non funziona. Dopo Berlusconi serviva una svolta, che non si intravvede. Il rapporto tra media e politica rimane malato.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE